domenica 16 giugno 2019
Logo Identità Insorgenti

L’INIZIATIVA

Raccolta fondi per le Terme di via Terracina

Beni Culturali | 5 Giugno 2019

“RestauriAmo un mosaico delle terme romane”, questo l’imperativo del  crowdfunding lanciato dal Gruppo Archeologico Napoletano per l’impianto termale di via Terracina a Fuorigrotta.

Restauriamo amando la nostra storia. Questo il significato di quella “A” in maiuscolo che non è affatto un errore di ortografia ma pone l’accento sulla “A” dell’Archeologia, quella fatta di studi, passione e tanta fatica.

I nostri monumenti: tra indifferenza e abbandono

A volte, noi che viviamo in un luogo meraviglioso dove si trovano tracce di passato ovunque, passiamo davanti alla nostra Storia ignorandola. Pertanto c’è bisogno che  qualcuno ci richiami all’attenzione con un grido di aiuto che non può lasciare indifferenti se un pezzo delle nostre origini è quasi sul punto di scomparire.

Quando un bene archeologico viene riportato alla luce, il primo problema che si presenta è come preservarlo dal trascorrere del tempo e dagli agenti atmosferici.

Alcuni monumenti, poi, conoscono la gloria della luce e il buio della dimenticanza quando dopo essere stati scoperti vengono offuscati dalla fama dei grandi poli d’attrazione andando a finire nel dimenticatoio. Così spesso accade che marciscano alla luce del sole finché qualcuno non decide di prendersene cura. È ciò che è successo alle Terme di via Terracina.

Le terme di via Terracina aperte grazie al G.A.N.

Edificio termale di epoca imperiale il cui impianto originario risale alla prima metà del II secolo dopo Cristo, fu scavato negli anni ’39 – ’40 del Novecento da Amedeo Maiuri durante la costruzione della Mostra d’Oltremare ed era anticamente situato all’incrocio tra l’antica via Puteolis – Neapolim ed una strada secondaria. Conosce nuova vita nel 1990 quando il Gruppo Archeologico Napoletano inizia ad occuparsene e riapre al pubblico nel 2012 dopo operazioni di ripulitura da parte dell’Associazione.

Il G.A.N. ha anche stipulato da qualche giorno un accordo quinquennale per attività di gestione e valorizzazione delle terme con la Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli e lanciato la campagna di raccolta fondi.

I mosaici pavimentali non vengono restaurati da molti anni: uno in particolare presenta molte lacune e le tessere tendono a staccarsi. Da qui l’idea del crowdfunding per salvarlo.

5.500 euro per salvare un mosaico

La cifra stimata da raggiungere è di 5.500 euro. Il progetto sarà seguito da un archeologo e realizzato da un restauratore esperto nel trattamento dei materiali lapidei, incaricato dal G.A.N.

L’intero importo raccolto sarà destinato alla realizzazione di tutti gli interventi necessari per il restauro.

I finanziatori saranno menzionati sui social e nell’ elenco di chi ha contribuito, e chi sarà generoso, devolvendo somme dai 50 ai 250 euro o più, potrà godere di una visita in anteprima al cantiere di restauro accompagnato da un archeologo o addirittura sarà ricordato nella targa che verrà realizzata alla fine del restauro e collocata all’interno del complesso termale.

Dal 1 al 19 luglio nuova campagna di studio delle terme

Dal 1 al 19 luglio si svolgerà anche la II campagna di analisi architettonica, schedatura dei reperti rinvenuti nella precedente campagna , saggi di scavo e pulizia archeologica. I lavori saranno coordinati da Marco Giglio, presidente del G.A.N. ( Università degli Studi di Napoli “l’Orientale”) e Gianluca Soricelli ( Università degli Studi del Molise).

Come partecipare alla Raccolta fondi

Per info e per partecipare alla raccolta: https://derev.com/restauriamo-un-mosaico-delle-terme-romane

Susy Martire

Un articolo di Susy Martire pubblicato il 5 Giugno 2019 e modificato l'ultima volta il 6 Giugno 2019

Articoli correlati

Beni Culturali | 14 Giugno 2019

CROWDFUNDING

Inaugurata a Pompei “Do ut do – la morale dei singoli: donare con l’arte contemporanea

Beni Culturali | 14 Giugno 2019

LA MAPPA

In giro per il decumano: censimento dei palazzi impalcati col Comitato Portosalvo

Beni Culturali | 13 Giugno 2019

GIORNATE DELL’ ARCHEOLOGIA

Iniziative a Pompei, Ercolano e MANN dal 14 al 16 giugno

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi