fbpx
domenica 9 agosto 2020
Logo Identità Insorgenti

L’INTERVISTA

Conversazione con Sandro Abruzzese sui luoghi e lo sradicamento

Cultura, Libri | 11 Aprile 2019

Sandro Abruzzese è nato in Irpinia e vive a Ferrara dove insegna materie letterarie in un istituto d’Istruzione Superiore. Per i tipi di Manifestolibri ha pubblicato Mezzogiorno padano (2015). Sul suo blog, raccontiviandanti, si occupa di viaggio e sradicamento. Il suo secondo libro, CasaperCasa, è uscito nel 2018, edito da Rubettino editore. Lo contattiamo telefonicamente per parlare di quest’ultimo lavoro e della sua ricerca sui luoghi e il tema della migrazione interna.

Il romanzo CasaperCasa

CasaperCasa è un racconto di luoghi e di persone, è romanzo e insieme reportage: quanto conta lo spazio reale per il suo autore? Quanto questo spazio sta cedendo il passo a una “residenza” più virtuale che concreta?  

I luoghi non mentono. Ogni luogo, anche quello più reticente, – è solo questione di tempo e profondità – è una confessione capace di smentire qualsiasi dichiarazione d’intenti. Che si tratti delle aree iper-popolate della pedemontana padana o del disastro idrogeologico rappresentato dalla Lucania materana, i luoghi sono sinceri. Non bastano le cosmesi urbane o i mascheramenti, ogni azione umana si riflette nella realtà, nel paesaggio circostante, che a sua volta mostra inesorabilmente l’accaduto e la sua logica. E poi c’è il sacro, c’è nei luoghi questa discorsività capace di celare il suo stesso enigma. I luoghi, per dirla con Merleau-Ponty, conservano qualcosa dell’opacità del mondo.

Quanto al virtuale, osservare lo spazio circostante è innanzitutto stare nel mondo. Uscire dall’autoreferenziale della società per ritornare a ciò che ci circonda. È un rivedere e ricostituire una relazione decolonizzandoci dall’immaginario mediatico.

Nel testo c’è posto per diversi punti di vista, da quello di una Ferrara idealizzata dallo scrittore Filippo a quello dell’ucraino Giorgio Aggiustatutto quando ricorda al protagonista – Alessandro, professore in congedo per un anno – che non solo i libri parlano della vita della persone ma spesso è  vita stessa a dover raccontare di sé: qual è per te la giusta misura tra questi due poli? E poi: la scrittura è anche un atto politico?

Personaggi celebri della letteratura come i protagonisti di Autodafé di Canetti e Di bestia in bestia di Mari, vivono per le loro biblioteche. Tuttavia conoscere è per me un discorso sociale, è autonomia, la quale non può essere individuale, e quindi deve essere per la realtà circostante.

Uno scrittore deve studiare, d’accordo, ma prima di tutto deve saper vedere, osservare e rappresentare, nelle forme da lui scelte, la vita. Ma se la vita ci arriva come l’ombra di se stessa, e finiamo per soccombere a lontane proiezioni, è chiaro che la rappresentazione sarà  posticcia e la scrittura di secondo o terzo ordine.

In questo senso la parola deve ricercare prima di tutto un discorso comune, e questo significa paradossalmente sottrarsi, risparmiarla e nutrirla, in cerca di una rete che sia in grado di strutturarsi e ramificarsi. Un tentativo odierno è l’Osservatorio del Sud riunito intorno a Piero Bevilacqua, Vito Teti, Tonino Perna, Battista Sangineto, per esempio.

Non credo ai tragitti troppo solitari, o meglio, non credo abbiano l’intento né la forza di trasformare la società senza prima confrontarsi strategicamente sull’elaborazione di modelli, simboli; per questo credo nello stare nei luoghi e tra le persone, negli spazi vilipesi e offesi.

Cambiare il linguaggio è importante ma non vuol dire trasformare la società, senza aver contestualmente intaccato la forma stessa della società attraverso l’immaginario e poi le istituzioni.

La scrittura può essere, quando va bene, un atto civile e sociale più che politico, senza la strategia e la rete di cui parlavo poc’anzi, non può trasformare la società.

Il mezzogiornopadano

I temi dell’appartenenza e dello sradicamento sono tra i motivi portanti della tua scrittura.

Sono un mezzogiornopadano, un cittadino ibrido, non contemplato nei censimenti ma di cui questo Paese è pieno. Racconto l’Italia senza rappresentanza, i paesi scissi, le città smarrite, i meridionali al nord, gli stranieri residenti, sfaccendati, girovaghi, profughi, esuli.

L’essere migrante interno, nativo di un paese dell’Appennino meridionale, mi ha spronato a narrare gli squilibri, a fotografare e mappare l’Italia dello spaesamento. Chi emigra risiede nella forza centripeta del capitalismo, è preda dello sviluppo che ancora una volta mescola i destini del mondo, ma l’altra parte della medaglia, ciò che il migrante lascia indietro, sono le aree spopolate, i paesi e le campagne abbandonate d’Europa.

Questo viene in parte omesso perché a raccontarcelo è la visione cittadina e urbanocentrica delle tv e dei giornali, per cui cerco di raccontare ciò che esiste ma non si vede se non per le strade, nelle piazze, o nella realtà quotidiana.

 

Quanto alla politica italiana, se c’è una cosa terribile dell’Italia di oggi non è tanto l’amore per la propria cultura o identità, ma il fatto che si desideri che essa escluda, oppure che se ne faccia strumento di potere contro i più deboli. È un’idea di patria, questa, che non ha rispetto per il genere umano, di cui ci si può solo vergognare.

L’altra faccia terrificante della politica odierna è che si dice di voler difendere una civiltà che tuttavia non si conosce, il tentativo di uniformare l’Italia nel populismo è la più grande forma di vigliaccheria e viltà delle attuali classi dirigenti, oltre che prova di autentico provincialismo. Quello che accade chiama direttamente in causa non tanto l’imbarazzante destra da Berlusconi a Salvini, quanto gli ultimi trent’anni di sinistra italiana.

Progetti futuri, infine: “Nell’anno trascorso mi sono occupato dell’ultimo spazio vuoto della pianura padana, il delta del Po. Lo inseguo sulle orme di Celati e Cibotto, come al solito senza regole né programmi”.

 

Domenico Carrara

Un articolo di Domenico Carrara pubblicato il 11 Aprile 2019 e modificato l'ultima volta il 11 Aprile 2019

Articoli correlati

Campania | 18 Luglio 2020

IL RICORDO

Luciano non morirà mai per noi, generazione cresciuta con le sue storie

Cultura | 18 Luglio 2020

RIONE SANITÀ

Un quartiere antichissimo, un quadro prodigioso e una conversione speciale

Cultura | 17 Luglio 2020

PROPOSTE LETTERARIE

“Interrompo dal San Paolo”, un’antologia del Calcio Napoli tra memoria ed emozioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi