fbpx
lunedì 23 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

Lo Spleen di Napoli di Carmine Orofino: la domenica con Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 15 Novembre 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità ad un autore e ad una sua poesia.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

 

Buona lettura con la poesia di Carmine Orofino

 

Carmine Orofino

 

Nasce a Castellammare di Stabia nell’aprile del 1988, trascorre la sua adolescenza in provincia frequentando associazioni culturali ed organizzando eventi, coltivando la passione per la musica e la poesia. All’età di venticinque anni si trasferisce a Napoli dove conosce e frequenta personaggi “romantici” insieme ai quali organizza dapprima delle jam session al Museum in largo Corpo di Napoli e successivamente un laboratorio di musica e poesia all’associazione culturale “A’mbasciata” sita in Palazzo Venezia a via Benedetto Croce dove prende vita il progetto di poesie in vernacolo e musica “Napoli Romantica” tuttora in fase di sviluppo. Per altri componimenti potete seguire il canale instagram

 

Lo spleen di Napoli

 

È ll’alba,

stammatina ce sta comme

 n’aria bbianca,

‘a coppa a ‘stu terrazzo

se vedono ll’ombre d’ ‘e ssagome

d’ ‘e cchiese e dd’ ‘e palazze,

comme si llà dinto fosse ancora notte.

Scengo e ccammino, cercanno nu cafè,

mmiezo â via manco na voce,

se sente sulo ‘o pprufumo magico

 d’‘a vita nova, delizia ‘e ggioventù.

 

Stanotte

‘o scuro parevano ‘e dannate

viecchie e gguagliune, maschere,

ca te guardano comme

si te canuscessero già.

Spettre, vampire e ddiavule…

Pure je me so’ mbriacato

cercanno dinto ê vicule

na scena, nu ricordo,

‘e chi cu na guardata

me mparaje che so’

ll’ammore e ‘a morte.

 

Ma mó è mmatina

e cchillo Inferno

diventa chianu chiano Priatorio…

‘E ccampane se mettono quase

scuorno ‘e sunà.

Partenope vestuta ‘e ghianco

nunn ‘a può maje vede’,

‘stu ttufo giallo e vverde,

cu ‘stu ppipierno niro,

sape ‘e fierro arrugginuto,

sape ‘e puorto, sape ‘e viecchio.

Carmine Orofino

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 15 Novembre 2020 e modificato l'ultima volta il 15 Novembre 2020

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 22 Novembre 2020

Le Poesie metropolitane in napoletano della domenica: “Na vucella piccerella” di Renato Palumbo

Poesie Metropolitane | 8 Novembre 2020

Le poesie in napoletano della domenica. Sciummo, che ccurre a ffa? di Maddalena Cascone

Poesie Metropolitane | 1 Novembre 2020

A’ll’amico nuovo”, di Elio Messina: le Poesie in napoletano della domenica

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi