martedì 2 marzo 2021
Logo Identità Insorgenti

L’OMAGGIO

Jorit disegna Pino Daniele, l’opera sorgerà sul grattacielo della stazione centrale di Napoli

Arte | 26 Giugno 2020

Napoli non l’ha mai dimenticato, d’altronde chi mai potrebbe farlo. Le sue canzoni scandiscono ormai il ritmo quotidiano della città, infilandosi nelle case, nei locali, nei vicoli partenopei. Non manca angolo a Napoli che non ricordi un pò di “Pinotto”, e – se già questo non bastasse – a breve ci sarà anche un murales a ricordare l’imprescindibile legame tra Pino Daniele e la sua “Napule”.

A realizzarlo sarà Jorit, il noto artista napoletano autore di grandiose opere di street art conosciute ormai in tutto il mondo. Proprio in questi giorni il talento partenopeo ha raggiunto un accordo tra la sua fondazione, in collaborazione con Ente no profit Pino Daniele Trust Onlus, e Grandi Stazioni immobiliare e Fs sistemi urbani, società del Gruppo FS Italiane.

I dettagli dell’intesa

Il gruppo Ferrovie dello Stato concederà la facciata del cosiddetto “Palazzo Alto”, il grattacielo sovrastante Piazza Garibaldi di proprietà dell’azienda, sulla quale verrà realizzato il volto del compianto cantautore, pronto a accogliere pendolari e turisti in città, come dichiara  lo stesso Jorit: “Pino Daniele fa parte del patrimonio non solo artistico ma anche culturale e per così dire “umano” di Napoli. Grazie a questo progetto, in rappresentanza del popolo napoletano ci sarà proprio lui a salutare e accogliere quanti ogni giorno arrivano e partono dall’hub ferroviario di piazza Garibaldi”.

Estremamente soddisfatto, soprattutto per lo stretto nesso tra street art e valorizzazione dell’edificio, è l’amministratore delegato di FS Sistemi Urbani Umberto Lebruto, il quale afferma: “È per noi un onore ospitare una suggestiva opera di Jorit, raffigurante il volto di Pino Daniele, sulla facciata di un immobile di proprietà del Gruppo FS Italiane. Il Gruppo FS Italiane conferma una notevole sensibilità ai temi di natura artistico-culturale e di attenzione alla socialità”.

Stando alle prime indiscrezioni, i lavori dovrebbero partire a fine giugno per essere poi conclusi entro settembre 2020 e, basandoci sulle tante opere di Jorit disseminate in città, il risultato sarà come sempre di grande suggestione.

Antonio Barnabà

Un articolo di Antonio Barnabà pubblicato il 26 Giugno 2020 e modificato l'ultima volta il 27 Giugno 2020

Articoli correlati

Arte | 15 Febbraio 2021

Sfratto per la storica sartoria Canzanella (e per gli abiti di Eduardo). Per il Comune di Napoli la cultura non conta nulla

Diritti e sociale | 2 Febbraio 2021

“Non è un paese per bambini”: viaggio nel degrado di Napoli Est

Battaglie | 29 Gennaio 2021

“Abbiamo proposte, per il futuro si riparta da qui”, l’appello del Comitato Orgoglio Vasto