domenica 16 giugno 2019
Logo Identità Insorgenti

L’OMAGGIO

Livorno rende onore a Bud Spencer: nel porto dove girò Bomber la statua realizzata grazie al crowdfunding

Arte, Cinema | 3 Giugno 2019

Erano gli anni 1978 e 1982 quando l’indimenticabile Carlo Pedersoli al secolo Bud Spencer ha girato nel litorale toscano e nella città di Livorno due dei suoi film più conosciuti ed amati: Lo Chiamavano Bulldozer e Bomber.

A quasi tre anni esatti dalla sua scomparsa, Livorno rende così omaggio con una statua, la prima in Italia , a un grande mito del cinema, che aveva realizzato un centinaio di film campioni d’incassi, catturando intere generazioni di pubblico che ha sempre oscillato dai 5 agli 80 anni.

A promuovere l’iniziativa è la pagina Facebook In Onore di Bud Spencer con il Patrocinio e la collaborazione del Comune di Livorno e dell’ Assessorato alla Cultura e di quello allo Sport. Ieri l’inaugurazione sul lungomare al termine di Viale Italia alla presenza dei figli di Bud: è nato così il monumento in onore dell’attore in uno dei luoghi dei suoi film.

A realizzare l’opera il famoso carrista viareggino Fabrizio Galli che ha creato un’opera in vetroresina dipinta con un armatura in ferro per una riproduzione a grandezza naturale del mito del cinema raffigurato nelle vesti di “lupo di mare” e che ha ai suoi piedi un borsone semi aperto, da cui usciranno in parte un casco da football americano e due guantoni da pugilato, che ricordano così i due film ambientati nella zona con un forte legame allo sport.

Il risultato è stato comunque un lavoro unico, autentico e sentito, che è stato realizzato solo grazie alla partecipazione dei fans: il traguardo della campagna crowdfunding da raggiungere era di 20.000 euro – ne sono stati raccolti 18mila – cifra che, esclusi i costi delle singole ricompense, è servita a ricoprire tutte le fasi della realizzazione del monumento (materiali, attrezzature, trasporto, collocazione statua, ecc) effettuate materialmente dall’artista e dai professionisti che hanno assistito al compimento dell’opera fin dalla progettazione.

Naturalmente tanti, sotto le foto pubblicate dalla pagina Bud Spencer, che vi proponiamo, hanno chiesto che si faccia presto qualcosa di simile anche a Napoli, la città natale di Mario Pedersoli, dove Bud lo scorso anno è stato omaggiato per la verità di un murales ai Quartieri Spagnoli.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 3 Giugno 2019 e modificato l'ultima volta il 4 Giugno 2019

Articoli correlati

7arti | 7 Giugno 2019

A MONTE SANT’ANGELO

Il murale di Darwin inaugura il compleanno della Federico II

Arte | 18 Febbraio 2019

“Chagall. Sogno d’amore” arriva nella Basilica della Pietrasanta

Arte | 6 Febbraio 2019

Quartieri Spagnoli: START accende la street art

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi