fbpx
giovedì 24 settembre 2020
Logo Identità Insorgenti

L’ORDINANZA

Il governo e le regioni: test e obbligo di quarantena per chi rientra dall’estero

Attualità | 13 Agosto 2020

Obbligo di quarantena per chi rientra in Puglia da Grecia, Malta, Spagna e Croazia. Lo ha stabilito ieri una nuova ordinanza del governatore della Campania, Vincenzo De Luca.

“Si ribadisce la necessità assoluta e urgentissima di un controllo severo alle frontiere e negli aeroporti – ha spiegato De Luca – Per la Campania, avendo verificato che alcuni nostri concittadini, dopo un viaggio a Malta hanno contratto e portato il contagio, si rende inevitabile l’obbligo per tutti coloro che tornano nella nostra regione, di andare automaticamente in quarantena, pena denuncia penale e sanzione di mille euro per chi viola l’isolamento. La quarantena si interromperà ovviamente non appena avuto eventuale esito negativo del tampone. Sollecitiamo il Governo a comunicare in tempi rapidissimi il piano straordinario di controlli nei quali impegnare tutte le forze dell’ordine per il rispetto delle ordinanze.
Siamo in un momento decisivo, nel quale sono indispensabili misure rigorose se si vuole bloccare il ritorno dell’epidemia ed evitare di essere costretti a misure drastiche di contenimento del contagio.

Ma anche altre regioni del Sud agiscono nella stessa direzione. È il caso della Puglia e dal governatore Michele Emiliano. «Grecia, Malta, Spagna: abbiamo registrato negli ultimi due giorni numerosi casi di pugliesi risultati positivi al Covid19 dopo essere rientrati da questi Paesi – scrive su Facebook – Si tratta di giovani residenti in Puglia di rientro dalle vacanze estive. Grecia, Malta, Spagna sono Paesi con alta circolazione virale in questo momento. Per questo ragione sto per emanare un’ordinanza che dispone, a partire da domani: l’obbligo di isolamento fiduciario di 14 giorni per chi rientra in Puglia nella propria abitazione da Grecia, Malta e Spagna».

Anche il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci avrebbe un’ordinanza pronta nella stessa direzione.

Intanto il governo emana un ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza che prevede «fino al 7 settembre tutte le persone che nei quattordici giorni antecedenti hanno soggiornato o transitato in Croazia, Grecia, Repubblica di Malta o Spagna, si applicano le seguenti misure di prevenzione, alternative tra loro: presentazione dell’attestazione di essersi sottoposti, nelle 72 ore antecedenti all’ingresso nel territorio nazionale, ad un test molecolare o antigenico, effettuato per mezzo di tampone e risultato negativo; obbligo di sottoporsi ad un test molecolare o antigenico, da effettuarsi per mezzo di tampone, al momento dell’arrivo in aeroporto, ove possibile, ovvero entro 48 ore dall’ingresso nel territorio nazionale presso l’azienda sanitaria locale di riferimento». Il provvedimento è in vigore da oggi.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 13 Agosto 2020 e modificato l'ultima volta il 13 Agosto 2020

Articoli correlati

Attualità | 24 Settembre 2020

L’ORDINANZA

Covid-19, obbligatorio indossare la mascherina all’aperto

Attualità | 16 Settembre 2020

IL DEGRADO

Le Torri Aragonesi appena restaurate e già circondate da spazzatura e siringhe

Attualità | 15 Settembre 2020

L’EDITORIALE

Ieri Willy, oggi Maria Paola: martiri della stessa guerra, bersagli di una società senza pietas

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi