martedì 19 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

LOTTA ALL’INQUINAMENTO

Napoli ripristina il blocco del traffico

Ambiente | 13 Ottobre 2019

Il tema del climate changes, alimentato da Greta Thunberg e i Fridays for Future, sembra finalmente aver fatto breccia nell’opinione pubblica, facendo capolino – seppur timidamente – nell’agenda politica di diversi Paesi Occidentali.

Uno dei fenomeni più discussi e preoccupanti del settore, che incide principalmente nei grandi centri urbani, è legato ai livelli limiti di polveri sottili raggiunti e ampiamente sforati ogni anno nelle nostre città attraverso un numero variegato di attività antropiche. Il comune di Napoli,  nello specifico, al fine di migliorare la qualità dell’aria e ridurre le emissioni (nel 2018 i limiti giornalieri per polveri sottili sono stati sforati per ben 72 volte), cerca di rispondere all’appello con il ripristino del blocco del traffico, deliberato per la prima volta nel 2015 e riattivato, con la disposizione del 26 settembre 2019, nel periodo compreso tra il 1 ottobre e il 31 marzo 2020.

Il divieto, esteso all’intero territorio napoletano e valido nelle giornate di lunedi, mercoledi e venerdi nelle fasce orarie 9:00 – 12:30 e 14:30 – 16:30, consente la circolazione ai soli veicoli GPL o Metano, alle automobili euro 4 e successive e alle auto con almeno 3 persone a bordo (escluse euro 0 e 1). Saranno esentate dal divieto le auto che percorreranno i tratti di autostrada e tangenziale ricadenti nell’area metropolitana.

Alternative ecologiche

Una misura concreta, lodevole ma certamente insufficiente se non adeguatamente correlata a solide alternative all’utilizzo dell’automobile in un capoluogo, come quello campano, considerato tra i 20 centri urbani più congestionati d’Europa, con una media di percorrenza superiore al 33% rispetto alla durata dei tragitti.

Una buona notizia, in ottica futura, potrebbe essere la candidatura dell’amministrazione comunale partenopea al progetto PRIMUS (Programma ministeriale di incentivazione della mobilità urbana sostenibile), con la contestuale approvazione del progetto di fattibilità tecnico-economica per l’implementazione o la realizzazione di percorsi inerenti la rete ciclabile cittadina, in aree fortemente strategiche (corso Umberto, corso Lucci, via Nuova Marina, via Sanfelice e via Diaz), dal valore di circa 800 mila euro.

Spiega l’assessore alle infrastrutture Mario Calabrese: “Proseguono le progettazioni dell’Amministrazione comunale per incentivare la mobilità ciclo-pedonale. Coerentemente con le azioni previste dal Piano Urbano della Mobilità Sostenibile intendiamo estendere e completare la rete cittadina in modo da realizzare un sistema organico e sicuro di percorsi ciclabili. I tratti oggi approvati sono stati individuati come prioritari per connettere percorsi già realizzati e programmati e i nodi di interscambio con il trasporto collettivo. Pensiamo alle stazioni della metropolitana, piazza Garibaldi in primo luogo. Con questi interventi aumentiamo la sicurezza dei ciclisti realizzando percorsi in sede propria, protetti quindi dai flussi veicolari. Sono interventi proposti in una strategia unica volta a rendere più sostenibile la mobilità e ridurre l’inquinamento in città”.

Antonio Barnabà

Un articolo di Antonio Barnabà pubblicato il 13 Ottobre 2019 e modificato l'ultima volta il 13 Ottobre 2019

Articoli correlati

Ambiente | 10 Novembre 2019

TARANTO

Ilva, strappo tra Governo e ArcelorMittal: e cittadini e lavoratori al solito pagano il prezzo più alto

Ambiente | 25 Ottobre 2019

NAPOLI EST

Il ministro Costa obbliga il comune di Napoli al dietrofront: discarica da chiudere e bonificare

Ambiente | 23 Ottobre 2019

NAPOLI EST

Aria irrespirabile per incendi e rifiuti: Barra e San Giovanni si ribellano tra striscioni e presidi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi