fbpx
giovedì 1 ottobre 2020
Logo Identità Insorgenti

MADE IN NAPLES

L’Antica Pizzeria da Michele apre in Arabia Saudita

Agroalimentare | 5 Agosto 2020

Oltre il lockdown, oltre ogni confine. Sembra questo l’imperativo da seguire per il brand Michele in the World che ha da poco conquistato l’Arabia Saudita con una nuova apertura. E Napoli arriva con il suo tempio della pizza dove nessuno era ancora arrivato fino ad ora.

La prima apertura post lockdown de l’antica pizzeria da Michele in the world è in Arabia Saudita, al 7575 di Al Ashaab Street ad Al Khobar, che inizia il suo viaggio con una prestigiosa partnership con il brand internazionale di automobili Lamborghini

Dal 29 luglio, giorno dell’apertura, sono stati in tanti a scegliere la pizza di Michele ad Al Khobar, sia attraverso la consegna a domicilio che nella nuovissima sede, un luogo che coniuga un design contemporaneo al calore del legno e delle fotografie d’epoca, in cui è ritratta la famiglia Condurro e la casa madre di via Sersale a Napoli, definita dal New York Times ‘la Mecca della pizza’.

“L’apertura in Arabia Saudita era in programma da mesi, la pandemia globale ha ritardato i nostri programmi, ma non è riuscita a fermarci – spiega Alessandro Condurro, AD de l’antica pizzeria da Michele in the world – . La pizzeria di Al Khobar è per noi il primo step di una collaborazione con il gruppo Foodart di proprietà saudita, che ci auguriamo continui a lungo. Pensavamo che l’Arabia Saudita, assieme a Dubai, fosse uno dei luoghi più difficili da ‘conquistare,’ perché apparentemente lontano da Napoli nei gusti e nella tradizione culinaria. Il successo che abbiamo riscontrato, sia in termini di clienti che di attività sui social, rappresenta la sorpresa di cui avevamo bisogno, in questo momento di ripartenza”.

“A luglio hanno riaperto tutte le nostre sedi nel mondo, chiuse a causa dell’emergenza Covid- spiega Daniela Condurro, AD de l’antica pizzeria da Michele in the world – . A Napoli stanno pian piano tornando i turisti e gli orari di lavoro fortunatamente si allungano: manteniamo il sistema di prenotazione e distanziamento, un inizio di ‘nuova normalità’. Nelle nostre pizzerie di Roma, Bologna, Firenze, Verona, Londra, Berlino, Barcellona, Los Angeles, Dubai, Tokyo, Fukuoka, Yokohama e Napoli, abbiamo rispettato tutte le regole necessarie e i clienti sono tornati, ripagandoci dell’impegno con grande fiducia”.

L’auspicio de l’antica pizzeria da Michele in the world, in quanto impresa di famiglia del sud Italia diventata azienda internazionale, è di poter continuare a lavorare per l’espansione nel mondo della ‘pizza napoletana della tradizione’ e dell’esperienza Michele, attraverso le sue 17 sedi.

Valentina Castellano 

Un articolo di Valentina Castellano pubblicato il 5 Agosto 2020 e modificato l'ultima volta il 5 Agosto 2020

Articoli correlati

Agroalimentare | 10 Settembre 2020

RISTORAZIONE

Marianna Vitale nominata Chef donna Michelin 2020

Attualità | 2 Settembre 2020

IN RICORDO DI PHILIPPE

Ci lascia Daverio: il rapporto del critico d’arte con Napoli e il Sud

Eventi | 2 Settembre 2020

NAPOLI BIKE FESTIVAL

Ritorna l’evento dedicato alla bici e alla mobilità sostenibile

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi