sabato 8 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

MALTEMPO IN SANNIO

#SporcheMaBuone: parte la campagna per salvare la Cantina di Solopaca

Agroalimentare, Altri Sud, Battaglie | 22 Ottobre 2015

solopaca prendici così

 #Prendicicosì, #Sporchemabuone. Così la cantina di Solopaca, altra azienda che ha subito danni dall’alluvione nel Sannio, lancia la campagna di solidarietà per salvare la ditta, vendendo le bottiglie recuperate dal fango, circa 80mila.
Lo si apprende dalla loro pagina fb dove si legge: “Tutte le persone interessate ad acquistare online le bottiglie della campagna ‪#‎SporcheMaBuone‬ hanno la possibilità di inviare una email di richiesta di prenotazione all’indirizzo email [email protected]

Nella richiesta va indicato il numero di bottiglie desiderate, il nome e il cognome e codice fiscale dell’ordinante e l’indirizzo per la spedizione, oltre che un numero di riferimento telefonico.

Ndr: Il quantitativo minimo per gli ordini online è di una confezione da sei bottiglie al costo di €15,00 + € 10,37 di spese di spedizione. Da 2 a 10 cartoni il costo di spedizione è di € 14,64, oltre i 10 cartoni il costo di spedizione è da calcolare in base al quantitativo”.

Non solo Rummo insomma. Le cantine di Solopaca in queste ore sono state prese d’assalto da centinaia di persone nel punto vendita di via Bebbiana 44,  per acquistare parte delle 80mila bottiglie recuperate dal fango. In poche ore sono state vendute duemila bottiglie di Falanghina e Aglianico. Sull’immagine che lancia la campagna #prendicicosì #sporchemabuone si legge: “Sotto questa corazza abbiamo conservato il frutto della terra che ha provato a spazzarci via”.

Alla Cantina, inoltre, che conta 600 soci, stanno arrivando prenotazioni da ogni città: oltre mille richieste di vino sono giunte via mail e sui social network. In serata sarà attivata una pagina dedicata sul sito della società. “Siamo felici di questa partecipazione. Risponderemo a tutti” dicono i responsabili.

Lucilla Parlato

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 22 Ottobre 2015 e modificato l'ultima volta il 30 Aprile 2017

Articoli correlati

Agroalimentare | 27 Aprile 2021

Decreto aperture: il “si salvi chi può” della ristorazione napoletana

Agroalimentare | 6 Aprile 2021

“Carbonara day”: per qualcuno il tipico piatto romano è nato a Napoli

Agroalimentare | 1 Aprile 2021

Food Tour pasquale: viaggio tra i ristoranti che resistono