mercoledì 28 luglio 2021
Logo Identità Insorgenti

Marek Hamsik, l’assenza è presenza

Marek Hamsik al termine di una partita disputata con la maglia del Napoli nella stagione 2017/18
Sport | 2 Febbraio 2021

Il Napoli, e la Serie A, senza Hamsik si sono materializzate senza che noi quasi ce ne rendessimo conto.

Il momento giusto in cui passare il testimone si era semplicemente palesato. E Marek non fece altro che interpretarlo e coglierlo.

The last dance

Il tutto risale esattamente a due anni fa, quando Hamsik giocó contro la Sampdoria la sua ultima partita italiana e con la maglia del Napoli.

Marek rimase in campo 74 minuti, sfoderando uno splendido lancio per Callejon sul gol del vantaggio azzurro di Milik. Fu la perla di congedo di un parabola scintillante. Una sorta di ultimo ballo giunto a distanza di dodici anni dalla prima gioia regalata alla platea. A fare da sparring partner, anche allora, ci fu la Sampdoria.

Icona epocale

Parlare del centrocampista slovacco equivale a discutere di uno dei calciatori più influenti e decisivi che abbia attraversato i campi italiani ed europei (almeno) negli ultimi due lustri.

In Serie A, e con riguardo al solo decennio 2010-2019, il Capitano azzurro è stato il calciatore coinvolto nel maggior numero di reti (143, di cui 74 gol e 69 assist), nonché quello capace di creare il più alto quantitativo di occasioni da gol (615).

Allargando il raggio di osservazione all’intero trascorso di Marekiaro a Napoli e in Italia, il bottino sale a 100 marcature messe a referto e a 79 passaggi vincenti serviti.

Nostalgia, maledetta nostalgia

Cifre da capogiro, perlopiù perché raccolte da un giocatore che, di mestiere, ha sempre fatto il centrocampista. Un ruolo nevralgico nel calcio moderno, che Hamsik per primo, tra i calciatori ‘totali’ del proprio genere, ha saputo interpretare e far evolvere con la maestosità propria dei grandi campioni.

Un leader silenzioso, un campione fuori dagli schemi prestabiliti del mainstream. Appassionato, educato, generoso, carismatico.

Di quelli che, quando c’erano, avremmo dovuto goderceli fino in fondo. Di quelli che, ora che son lontani, mancano come allo stadio manca la sua Curva.

Antonio Guarino 

Un articolo di Antonio Guarino pubblicato il 2 Febbraio 2021 e modificato l'ultima volta il 12 Maggio 2021

Articoli correlati

Club Napoli nel Mondo | 30 Maggio 2021

Club Napoli Udine, l’identità di Partenope in Friuli. La rubrica riprende a settembre su sulsud.it

Sport | 23 Maggio 2021

Il Napoli è fuori dalla Champions League

Libri | 23 Maggio 2021

“Sopra le Macerie”, la tenacia degli operai del Mezzogiorno nel libro del Prof. Cimitile