fbpx
mercoledì 15 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

MEMORIA E IDENTITA’

A Potenza un Museo sull’emigrazione lucana

Cultura, Eventi, Identità | 20 Gennaio 2015

castello

Un museo per non dimenticare il dolore ma nemmeno il bello dell’integrazione. Sorgerà nel castello di Lagopesole di Avigliano, in provincia di Potenza, il Museo dell’emigrazione lucana.

I lavori sono appena iniziati ma si spera che la struttura possa aprire al pubblico per il 22 maggio, Giornata dei lucani nel mondo.

L’obiettivo è di raccontare la storia dell’emigrazione lucana tra l’Ottocento e Novecento, non solo attraverso ”le sale ma anche con immagini e progetti, perché non vada perduta la memoria di questo fenomeno”.

Questo spazio espositivo intende quindi raccontare storie, con particolare riguardo ai temi del viaggio e dell’insediamento, su quel fenomeno che purtroppo ancora oggi segna le giovani generazioni meridionali e lucane, in particolare.

L’ipotesi progettuale nasce dal desiderio di trasmettere attraverso la visualizzazione degli allestimenti, che riproducono nelle sale il percorso del viaggio, l’emozione dello stesso, con l’utilizzo di strumenti multimediali, installazioni interattive e arti visive.

Le attività del museo saranno coordinate dal Centro dei Lucani nel mondo ”Nino Calice” in omaggio ad una storia che non può essere dimenticata, ma che va raccontata. Una raccolta continua e capillare di documenti e testimonianze per l’arricchimento continuo del Museo, una raccolta materiale, ma intrisa di quella sensibilità che il popolo lucano è in grado di esternare.

Il presidente della Provincia di Potenza  Lacorazza, a proposito del Museo, ha precisato che “non si tratta di un manufatto”. Il Museo è il simbolo tangibile di una grande storia della memoria collettiva dei lucani che devono aprire le proprie case, i propri armadi, i loro cassetti, le loro antichità che nascondono grandi tesori. Il senso di un museo non è quello di mummificare una identità, bensì di trasmetterla con il coinvolgimento delle nuove generazioni lungo il percorso intrapreso.

Floriana Tortora

 

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 20 Gennaio 2015 e modificato l'ultima volta il 16 Novembre 2018

Articoli correlati

Basilicata | 2 Luglio 2020

FESTA MANCATA

Il surreale 2 luglio di Matera: per la prima volta “la Bruna” senza “strazzo”

Basilicata | 24 Febbraio 2020

CORONAVIRUS

La Basilicata mette in quarantena i viaggiatori del Nord. Poi precisa: solo gli studenti

Arte e artigianato | 2 Ottobre 2019

A MATERA

Le galline si fanno opera urbana: l’installazione della lucana Pastore

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi