fbpx
sabato 26 settembre 2020
Logo Identità Insorgenti

MERIDIONALI DI SUCCESSO

Terùn, il ristorante a Palo Alto che fa impazzire la Silicon Valley

Economia, Emigrazione, Made in Sud | 28 Marzo 2015

terùn

La loro storia la racconta Domenico Logozzo su alcuni giornali di “italiani all’estero”. Ma di loro si è occupata soprattutto la stampa internazionale. Protagonisti due fratelli di Scalea, Franco e Maico Campilongo,  e un loro amico di Ginosa Marina, Kristyan D’Angelo. Calabria e Puglia fino a Palo Alto, in California: insieme hanno aperto un ristorante nella Silicon Valley dal nome eloquente: “Terùn”. Non in senso dispregiativo ma per raccontare le prorie radici.

Tant’è che come ha scritto il New York Times: “In piemontese terùn è un termine dispregiativo per i meridionali italiani” ma ha sottolineato che gli  intraprendenti imprenditori venuti dalla parte estrema dello stivale “lo indossano come distintivo d’onore”. E loro confermano di aver deciso di dare un significato positivo a questo termine, “che per anni ha visto i nostri genitori e i nostri nonni paragonati ad una razza inferiore. Usato dai piemontesi o comunque dalla gente del nord, ci faceva male, ci condizionava, tanto che da piccolo cercavo di cambiare il mio accento perché ritenevo che quello meridionale non fosse una cosa positiva”.Poi il viaggio, il sogno americano. “Nella Silicon Valley scopri che essere italiani è motivo di orgoglio e fare cucina italiana dà immense soddisfazioni, perché quando vendi il tuo prodotto vendi anche la tua storia”.

Emigrati meridionali, dunque, che portano la migliore tradizione della nostra cucina in America. Ovviamente tra i motivi del trasfermento, il fatto che il regime fiscale in Italia non supporta le aziende, il costo del personale molto elevato, l’instabilità generale che vivere in questo Paese determina per chi vuol fare impresa.

Pizza fantastica, mozzarella di bufala,  burrata, melanzane alla parmigiana: tante specialità made n Sud per accontentare i palati della Silicon Valley senza mai dimenticare le radici: tant’è che al Sud tornano ogni anno, dalle famiglie, e per apprendere nuove ispirazioni.
Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 28 Marzo 2015 e modificato l'ultima volta il 30 Aprile 2017

Articoli correlati

Calabria | 7 Novembre 2019

A COSENZA

Musica contro le mafie, a dicembre la rassegna all’insegna dell’impegno

Battaglie | 22 Maggio 2019

LA SENTENZA

Riace vince il ricorso: i fondi Sprar erano legittimi. Lucano: “Contento, ma progetto distrutto”

Abruzzo | 8 Gennaio 2019

NEVE AL SUD

Sciare nel Mezzogiorno? E’ possibile: tutte le piste dall’Abruzzo alla Sicilia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi