giovedì 14 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

IL MERLO PARLANTE

Il giornalista, siculo senza pudore: “La mafia a Roma? Colpa della meridionalizzazione”

DueSicilieOggi, Italia, Razzismo | 12 Dicembre 2014
 francesco merlo

Francesco Merlo su Repubblica sostiene che se proprio a Roma e nel nord esiste la mafia, questo è dovuto ad un processo di meridionalizzazione del nord. Ormai siamo alla frutta del giornalismo di regime. Scrive Merlo: “E forse la prima grande novità è che Mafia Capitale non è la sciasciana linea della palma che sale verso Nord, ma è la geografia che scende. È Roma che, smottando verso Sud, è ormai diventata Mezzogiorno di suk e di illegalità. L’abusivismo di piazza Navona, la sporcizia per le strade, le buche, il centro storico assediato, le “croste” dei parcheggi in terza fila, la metropolitana senza decoro, i lavori pubblici eternamente incompiuti, la cultura come enorme baraccone di incompetenze, le esecuzioni per strada… sono già identità meridionale”.

Sulle parole dell’ascaro siculo Merlo, che attribuisce i mali di Roma ad una presunta meridionalizzazione della stessa, vorrei fare un ripassino di storia.

Il povero Nerone si prese le colpe “storiche” di un incendio che non appicco’ lui. Si trattò, in verità, della prima speculazione edilizia della storia. La città fu rasa al suolo per poterla ricostruire e specularci. Un risanamento ante litteram. E, d’altra parte, da una città che nasce da uno stupro che porta alla nascita di due bambini allattati da una cagna e viene fondata da un fratricida, che per popolarsi rapisce e stupra le donne della comunità sabina, che manda a morte Gesù Cristo salvo poi farne strumento politico e che, ancora oggi, è sede del Vaticano, cosa poteva mai venirne?

Il problema, caro Merlo, è semmai il contrario: siamo stati noi, discendenti dei greci e di Pitagora, di Vico e Campanella, di Vanvitelli e Paisiello, ad essere stati “italianizzati”, prima invasi dalla feccia sabauda e poi da quella tosco-romano-padana.

Quello che ci fotte, ahinoi, è la geografia, più che la storia…

Drusiana Vetrano

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 12 Dicembre 2014 e modificato l'ultima volta il 12 Dicembre 2014

Articoli correlati

DueSicilieOggi | 2 Ottobre 2019

IL PIANO

Sud, il ministro per il Mezzogiorno vuole investire nella scuola

Arte e artigianato | 29 Gennaio 2019

TRADIZIONI IDENTITARIE

Festa di Sant’Agata di Catania: la terza per importanza nel mondo

Attualità | 31 Dicembre 2018

FESTE E AMAREZZE

Da Matera a Potenza, da Napoli a Bari: Capodanno in piazza (e problemi rinviati al 2 gennaio)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi