fbpx
domenica 29 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

Mondiali: Italia nella “morsa” dell’arbitro Moreno

News, Sport | 24 Giugno 2014

google.stats.com_ifb_natl_201406241253464014771-p5_mobile_header_1x

NATAL, 24 GIUGNO – Sì vede di tutto all’Arena Das Dunas, nell’ultima partita del gruppo D tra Italia e Uruguay, terminata con la vittoria della Celeste per 1-0. Dopo un primo tempo equilibrato, dove a sprazzi la nazionale italiana esprime un calcio discreto. Nel secondo tempo ci pensa  l’arbitro ad infrangere i sogni mondiali degli azzurri. Antonio Rodriguez sventola un cartellino rosso inesistente sulla testa di Claudio Marchisio, dopo un contrasto con Arevalo Rios. Ma la cosa spaventosa è che il nome completo del fischietto messicano è Antonio Rodriguez Moreno. Proprio così, incubi che ritornano, dopo i ben noti fatti accaduti in Giappone/Corea 2002, quando il primo Moreno espulse Francesco Totti, condannando l’Italia all’eliminazione. Dopo l’ingiusta espulsione, il difensore Godin punisce gli azzurri con un gol di testa su cross di Ramirez. Poi la partita diventa inguardabile,  perché l’attaccante Suarez infligge un vero e proprio morso (il terzo nella sua recidiva carriera) ai danni di Chiellini, durante un contatto col difensore juventino. Ma Moreno non lo vede. Così si continua, fino alla disperata rincorsa al pareggio dell’Italia che non arriva mai. Dunque la nazionale italiana è fuori dai giochi brasiliani, dopo una partita che lascia l’amaro in bocca.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 24 Giugno 2014 e modificato l'ultima volta il 24 Giugno 2014
#Italia  

Articoli correlati

News | 25 Novembre 2020

L’ADDIO

I ricordi del Napoli di ieri e di oggi

Attualità | 31 Agosto 2020

LA DERIVA

Napoli, Anm: la propaganda leghista viaggia sul servizio pubblico

Attualità | 21 Aprile 2020

THE ITALIAN JOB

Tagliare i fondi al Sud: così vorrebbe ripartire l’Italia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi