sabato 24 luglio 2021
Logo Identità Insorgenti

Morte Maradona, la perizia inchioda i medici: “Poteva essere evitata”

La morte di Diego Armando Maradona poteva essere evitata, la perizia inchioda i medici alle proprie responsabilità
Sport | 28 Aprile 2021

La morte di Diego Armando Maradona poteva essere evitata.

E’ questo l’esito della perizia medica effettuata dalla commissione nominata dai magistrati argentini per far luce sulla scomparsa del campione argentino.

“Imperizia e segnali ignorati”

Il rapporto, secondo le prime indiscrezioni rese note dal portale TN Noticias, evidenzia le responsabilità di Leopoldo Luque e Agustina Cosachov, rispettivamente neurochirurgo e psichiatra che avevano in cura Diego.

Secondo quanto sancito dalla Consulta Medica, nel decesso del Pibe “hanno inciso in maniera decisiva omissioni di soccorso e una generale negligenza nel trattamento e nelle cure riservate al paziente”.

Maradona soffriva di insufficienza cardiaca, renale e di cirrosi. La sua morte, però, sarebbe stata evitata se solo si fosse dato peso ai sintomi, notandoli o almeno non minimizzandoli.

Nessuno si è accorto delle sue reali condizioni di salute, dal momento che i controlli medici erano inadeguati.

Maradona – prosegue ancora la perizia – “è stato portato in un posto inappropriato quando avrebbe dovuto essere ricoverato sotto controllo”. La casa di Tigre, dov’è spirato, non era provvista nemmeno di un defibrillatore per fronteggiare un’eventuale emergenza cardiaca.

Le accuse per la morte di Diego

Luque e la Cosachov rischiano ora l’accusa per omicidio colposo, che in Argentina prevede una pena da otto a venticinque anni di reclusione.

Non è noto, invece, quali potranno essere i capi di imputazione di cui saranno destinatari gli altri soggetti coinvolti nella vicenda.

Resta ancora da chiarire la posizione dello psicologo Carlo Diaz, dell’avvocato Matias Morla e, soprattutto, degli infermieri che accudivano Maradona.

Tra questi spicca Daiana Madrid, la quale aveva dichiarato che Diego si era alzato al mattino, prima di sentirsi male. Secondo le valutazioni raggiunte dai medici della Consulta, invece, il campione argentino sarebbe morto tra le 4.00 e le 6.00 della mattina del 25 novembre, mentre dormiva.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 28 Aprile 2021 e modificato l'ultima volta il 28 Aprile 2021

Articoli correlati

Sport | 23 Maggio 2021

Il Napoli è fuori dalla Champions League

Sport | 16 Maggio 2021

Il Napoli vince 2-0 a Firenze, la Champions è sempre più vicina

Sport | 11 Maggio 2021

Troppo Napoli, gli Azzurri fanno 100 e travolgono l’Udinese