fbpx
martedì 26 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

MOTIVAZIONI TRA DUE SETTIMANE

Comune di Napoli, la Corte dei Conti rigetta uno dei due ricorsi: non si sa ancora se c’è rischio dissesto

Economia, Italia, NapoliCapitale | 7 Marzo 2018

Le Sezioni Riunite della Corte dei Conti hanno rigettato il ricorso del Comune di Napoli nella parte riguardante lo sforamento dei conti nel 2016 mentre il ricorso è stato accolto nella sezione relativa allo sforamento dei conti del 2014.

“Non ho ancora avuto il dispositivo. Una valutazione piena la faremo stasera. Al momento ho solo notizie telefoniche” spiega il sindaco, Luigi de Magistris. A Roma, per conto dell’Amministrazione napoletana, c’erano il direttore generale, Attilio Auricchio, il ragioniere capo e l’avvocato Andreottola. “Le uniche notizie certe al momento – ha spiegato de Magistris – sono l’accoglimento del ricorso per quanto riguarda la questione del 2014 e il rigetto per la questione del 2016. Dobbiamo attendere le motivazioni, stasera faremo già una valutazione rispetto a tutte le opzioni ma per avere un quadro chiaro dovremo attendere le motivazioni che dovrebbero arrivare entro 15, 20 giorni e dunque prima dell’approvazione del bilancio di previsione. Oggi mi sento di esprimere soddisfazione – ha proseguito de Magistris – per l’accoglimento parziale del ricorso ma anche preoccupazione e profonda indignazione perché il rigetto del ricorso relativo allo sforamento dei conti nel 2016 è legato al tema del debito con il Cr8 che mi fa rivoltare lo stomaco perché devo discutere da circa due anni per un debito di 100milioni del 1981. Su questa vicenda del debito – ha aggiunto il sindaco – sono capace di mettere in campo la più grande mobilitazione politica che la città di Napoli abbia visto dal Dopoguerra. Mi auguro che non sarà necessario – ha concluso – ma altrimenti la mobilitazione dello scorso 21 febbraio a Montecitorio sarà stata semplicemente un prosecco accompagnato da una tartare”

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 7 Marzo 2018 e modificato l'ultima volta il 7 Marzo 2018

Articoli correlati

Economia | 5 Maggio 2020

LA LETTERA

Piras, noto acconciatore: “Parrucchieri pronti ad aprire. Il 3 giugno è troppo lontano”

Economia | 30 Aprile 2020

LA LETTERA

Miriam Pipolo, fotografa di matrimoni: stagione saltata, chiediamo aiuti e ascolto

Economia | 29 Aprile 2020

L’ANALISI

Conte: “Alle banche chiedo un atto d’amore”. Ma occorrono regole chiare non chiacchiere

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi