fbpx
lunedì 1 giugno 2020
Logo Identità Insorgenti

MUSEI CAMPANI

Così Capodimonte e Mann si preparano alla riapertura

Beni Culturali | 26 Aprile 2020

Il 18 maggio riaprono al pubblico, dopo il lungo lockdown, musei, biblioteche, mostre.

Una data già ventilata dal Ministro Franceschini che voleva riaprire i musei già il 4 maggio a inizio della cosiddetta fase 2. Aveva precisato, però, che avrebbero riaperto quegli istituti museali in grado di rispettare le misure sanitarie. Quindi probabilmente non tutti i musei, parchi archeologici e biblioteche riusciranno ad essere pronti per quella data.

La data scelta per la riapertura dei Musei è il 18 maggio

Il 18 maggio l’ICOM ( International Council of Museums) celebra la Giornata Internazionale dei musei, una data quindi indicativa e che potrebbe essere anche di buon auspicio per questo nuovo inizio in un mondo molto diverso da quello che si lasciano alle spalle la loro chiusura.

In che modalità apriranno? Bellenger e Giulierini ce lo spiegano

Ci siamo chiesti quale sarà la modalità che verrà adottata per gestire gli ingressi in una fase che è ancora di emergenza sanitaria nonostante la curva dei contagi sia in discesa.

Mentre il Direttore generale del Parco archeologico di Pompei, Massimo Osanna, si riserva di rilasciare una comunicazione ufficiale a breve e non prima di aver terminato i sopralluoghi ai vari siti del Parco atti a delineare la modalità di contingentamento, il direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte così come il Direttore del Museo archeologico nazionale di Napoli sembrano avere le idee abbastanza chiare.

A Capodimonte apre prima il Real Bosco

Per Sylvain Bellenger la prima cosa da aprire sarà il Real Bosco che dovrebbe aprire stando al DPCM già il 4 maggio: La prima cosa che apriremo sarà sicuramente il Real Bosco, visto che sarà la realtà più richiesta. Dovremo pensare a una riorganizzazione perché sorvegliare 134 ettari non è una cosa facile. In tempi normali i visitatori si aggirano intorno ai 3 milioni all’anno e certamente avremo un assalto di persone affamate di aria fresca e verde. Ma vedremo come organizzarci su questo. Ho fiducia nella città: Napoli ha già dimostrato durante questa crisi un grande senso dell’ordine e di grande disciplina.

Per quanto riguarda invece il Museo, distanziamento sociale e contingentamento degli ingressi saranno un obbligo per tutti: “Faremo una biglietteria con prenotazione online per essere in grado di controllare le presenze all’interno delle sale. Non credo che avremo una grande folla di persone che andranno subito in luoghi pubblici come il museo: prevarrà la paura per un po’ di tempo ancora. In ogni caso, la riapertura dei musei non sarà un libera tutti.  La Fase 2 del confinamento non sarà una cosa facile. Dobbiamo studiare bene come procederà la prima settimana, non essere troppo impazienti e poi essere costretti a chiudere di nuovo tutto e a fare una seconda fase di confinamento. Tutto andrà fatto con grande prudenza e cura per non mettere nessuno a rischio, tenendo sempre presente il pericolo e la necessità di rispettare le regole”.

IL MANN vuole aprire a giugno

Non aprirà il 18 maggio il MANN guidato da Paolo Giulierini.

Dal 18 inizieranno le riaperture ma compatibilmente con le situazioni specifiche.

“Noi del Mann abbiamo proposto alla Direzione Generale il 3 giugno come data di apertura per fare le cose per bene anche perché dal 4 maggio riaprono prima i cantieri e gli uffici (non aperti al pubblico) e dalla settimana successiva si riprende ad allestire la mostra degli Etruschi e le sale affreschi con la nuova didattica. Pertanto io spero che ci concedano il 3 giugno o comunque a ridosso del ponte di giugno” – dice Giulierini. Per quanto riguarda le modalità di accesso il direttore ribadisce le linee guida a cui tutti gli istituti museali dovranno attenersi: “Per il resto ci atterremo alle linee guida (mascherine per visitatori, distanza di sicurezza, numero chiuso e prenotazione obbligatoria per i primi due mesi). Ma, ahimé, non credo ce ne sarà bisogno.”

Susy Martire

Un articolo di Susy Martire pubblicato il 26 Aprile 2020 e modificato l'ultima volta il 27 Aprile 2020

Articoli correlati

Beni Culturali | 27 Maggio 2020

INIZIATIVE

Così il Parco Archeologico di Ercolano si reinventa

Beni Culturali | 27 Maggio 2020

RIAPERTURE

A Carditello da domenica visite gratuite e “percorsi benessere” nel bosco

Beni Culturali | 27 Maggio 2020

LE PROTESTE

Bosco di Capodimonte, Bellenger e Poggiani sotto accusa

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi