fbpx
domenica 25 ottobre 2020
Logo Identità Insorgenti

MUSEI E VIRUS

Casi di covid alla Certosa di San Martino: su fb “problemi organizzativi”. Poi la correzione: “Sanifichiamo gli spazi”

Beni Culturali | 8 Ottobre 2020

La strana comunicazione della Certosa di San Martino che definisce “motivi organizzativi” alcuni contagi che si sarebbero verificati tra i lavoratori del museo.

Ieri sera intorno alle 22, infatti, un cartello compare improvviso sulla pagina facebook ufficiale della Certosa e Museo di San Martino: “Avviso importante: La Certosa ed il Museo di San Martino resteranno chiusi per motivi organizzativi dal 9 ottobre fino a nuova comunicazione”.

I “motivi organizzativi” nasconderebbero in realtà, come rivelatoci da diverse fonti, ben due casi accertati di Covid con conseguente isolamento fiduciario del personale del museo.

Domenica un addetto alla sorveglianza ha mostrato chiari sintomi influenzali: in seguito il tampone ha accertato fosse Covid, mentre un’altra persona, sempre facente parte del personale del museo, martedi aveva fatto il tampone e ha scoperto solo dopo di essere positivo. Dopo questi due casi accertati il resto del personale è stato costretto a fare il tampone e a rispettare l’isolamento fiduciario in attesa di esito.

Questi, a quanto ci risulta, sono i fatti che avrebbero portato alla chiusura per “motivi organizzativi”.

Che qualcosa non quadrava si è capito stamattina quando, incalzati dai numerosi commenti, i social managere della pagina fb della Certosa, hanno cancellato “i motivi organizzativi”  diventati invece motivi precauzionali e di salute pubblica: “Per massima precauzione, visto l’aumento dei contagi da Covid-19, per garantire la sicurezza dei visitatori e dei dipendenti si procederà alla sanificazione di alcune sale della Certosa e Museo di San Martino che, pertanto, resteranno chiuse per alcuni giorni. La riapertura sarà comunicata sul sito istituzionale e sui canali social della Direzione regionale Musei Campania e della Certosa e Museo di San Martino”.

 

Quasi un’ammissione di “colpa” che non spiega il motivo per il quale la direzione non abbia fin da subito comunicato i motivi della chiusura improvvisa, soprattutto nel rispetto di chi, per lavoro o per diletto, ha frequentato la Certosa di San Martino negli ultimi giorni con il rischio di aver contratto il virus.

Naturalmente siamo pronti a pubblicare una smentita della direzione del museo qualora quanto abbiamo scritto e ci hanno rivelato le nostre fonti non rispondesse al vero..

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 8 Ottobre 2020 e modificato l'ultima volta il 11 Ottobre 2020

Articoli correlati

Beni Culturali | 23 Ottobre 2020

RIAPERTURE

Via libera agli accessi al Museo di San Martino: ma molte sezioni restano chiuse

Beni Culturali | 20 Ottobre 2020

LA GARA

Il Mibact lancia il Festival dei Borghi: finanziamenti per i più belli dello Stivale

Attualità | 15 Ottobre 2020

COVID 19

Lockdown ad Arzano, 199 positivi: scuole ed esercizi commerciali chiusi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi