lunedì 14 giugno 2021
Logo Identità Insorgenti

MUSICA E IDENTITA’

Clementino si fa in tre: in Cos Cos Cos è Eduardo, San Gennaro e Pulcinella

Identità, Musica | 17 Giugno 2015

clementino cos cos cos

Conferma il legame con l’identità partenopea Clementino. Nell’ultimo video tratto dall’album “Miracolo”, Cos Cos Cos, si fa addirittura in tre. Il brano nasce da uno scherzo telefonico che Alessandro Siani ha fatto a Clementino (che si può ascoltare alla fine della canzone): il cantante ha chiesto, come “risarcimento” di scrivere una canzone insieme al comico, utilizzando il tormentone “cos cos cos” che Siani aveva utilizzato nel film “Il principe abusivo”.

Nasce così Cos Cos Cos, brano ricco di battute, a cui è stato associato un video altrettanto divertente, con le parodie di Matteo Salvini e Fedez, e le interpretazioni multiple di Clementino, nel ruolo di tre personaggi della tradizione napoletana: Pulcinella, San Gennaro e Edoardo de Filippo.

Nel video c’è anche Tony Tammaro, icona della musica goliardica napoletana. Ve lo proponiamo insieme al testo della canzone.

Cos cos cos
Quanno faccio ‘o rap ô frate vaco in overdose
’ ô frate cos’?
Quanno faccio ‘o rap ô frate ‘a capa n’arreposa
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?
Quanno faccio ‘o rap ô frate so’ pericolos’
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?(Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?)

Viviamo tra pareti che si chiudono e tu in mezzo
uso il rap apposta per non fare il tipo grezzo
super funk in una busta sound pittoresco
un lavoratore col datore disonesto.

Ma ‘sta metropolitana ‘a vint’ ann’ scavat’
ma ‘a stat’ facenn’
o ‘a stat’ cercann’
‘O Stato c’ingann’

ma quanno pigliammo
tre nummere pe’‘o banculott’ che ca’ nun ce stammo
Dint’ ê pposte staje facenno ‘a fila ‘a quatto semmane
stammo a Abbrile ma me vulesse fa’ Natale â casa
dint’ ê trasmissione fra’ ce’ stanno ‘e criminale
Quirinale, Viminale e tutt’Italia ch’ ‘rrinale

Guardo â televisione, so’ tutt’ eguale,
‘sti programme addò se chiagne, pure se mòre ‘a zanzara
‘na città ca sta incazzata, ch’ha acchiappate mazzat’
‘o sango ‘e San Gennaro a ‘stu gir’ s’è ghiacciat’!
(Mamm’ e ch’ fridd’!!!)

Ah!

Quanno faccio ‘o rap ô frate vaco in overdose
’ ô frate cos’?
Quanno faccio ‘orap ô frate ‘a capa n’arreposa
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?
Quanno faccio ‘o rap ô frate so’ pericolos’
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?(Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?)

Tu nun hê fatto ‘a manovra, hê fatto ‘a retromarcia
ma nun hê guardato ‘o specchietto, e areto a chiste ‘e schiaccie
T’arricuorde ‘e ‘sta città tra mandulin’ e limun’
e c’hê lassato ‘int’ â giungla ma nun hê pavato ll’IMU
friddo comme ll’igloo pure se ‘o sole è sicuro
Tu tiene ‘a faccia ‘e c**** rap ca faccio paur’

Ehi pur’ tu n’ata carta cunusciuta
‘na vacanza addò ‘stu mare ‘o vide ancor’ tutt’ scur’
‘ncopp’ a ‘sti muntagne, sulo fiamme, sulo tanfa
hê magnate e t’hê lliccato ‘e baffe ô frate fatte ‘o selfie
mentre cade ‘o curniscione ‘a galleria
vec’ cchiù mmagnà dint’ â tv ca dint’ tutto ô frigo mije.

Internet è nato a Napoli e lo sai
dalle signore sui balconi ‘nciucio Web WiFi
come Pino e Troisi parto d’‘o nient’ ô frate
e comme Alessandro Siani ‘na resata c’ha sempe salvar’! (Te voglio fa’ capì)

Ah!

Quanno faccio ‘o rap ô frate vaco in overdose
’ ô frate cos’?
Quanno faccio ‘orap ô frate ‘a capa n’arreposa
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?
Quanno faccio ‘o rap ô frate so’ pericolos’
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?(Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?)

Damme ‘o tiempo ca t’ faccio capì frà qual’è ‘o probblema
Master Chef, ‘o mare ca è vveleno
‘ncoppa ô bit certamente spir’ tant’ sentiment’
tutt’ boss, buche ‘nfronte, tutt’ Salvator Conte

Datece ‘na mano pe’ n’ascì
parto da luntano â casa mì
Cu’‘a cap’ dint’ ô sole c’asciuttammo
fratellì tu saje mò ch’aspettammo

È ‘nu miracolo pe’ ‘a gente
Signò tieneme present’
fallo pe’ chi mò te sta a sèntere ma ‘o mezzo se rallenta
È ‘nu miracolo pe’ ‘a gente
Signò tieneme presente
fallo pe’ chi mò te sta a sèntere ma tutt’ se rallenta

Ah!

Quanno faccio ‘o rap ô frate vaco in overdose
’ ô frate cos’?
Quanno faccio ‘orap ô frate ‘a capa n’arreposa
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?
Quanno faccio ‘o rap ô frate so’ pericolos’
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?
Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?(Cos’cos’cos’cos’cos’ ô frate cos’?)

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 17 Giugno 2015 e modificato l'ultima volta il 17 Giugno 2015

Articoli correlati

Attualità | 23 Aprile 2021

Campania verso la zona gialla: il monologo di De Luca del venerdì

Campania | 21 Aprile 2021

Vaccini, la Campania completa quelli per gli over 80 deambulanti

Attualità | 19 Aprile 2021

Da oggi la Campania è arancione: cosa si può fare e cosa no