fbpx
martedì 19 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

Napoli. Inaugurata una palestra di boxe nel chiostro di Santa Maria della Sanità

News | 10 Luglio 2018

C’è chi dice di no: no alla violenza, no alla camorra, no alle baby bang. E decide di ripartire dallo sport, per offrire un’alternativa di vita, di riscatto.

Lo sanno bene i ragazzi del rione Sanità i quali, aiutati dal parroco don Antonio Loffredo, dalla Fondazione di Comunità San Gennaro e dall’associazione L’Altra Napoli onlus, hanno concretizzato l’idea di aprire una palestra di boxe, al fine di aiutare quelli di loro più a rischio.

Stamattina, all’inaugurazione presso il chiostro di Santa Maria della Sanità, è intervenuto anche il questore di Napoli Antonio De Iesu, il quale ha dichiarato: “Atti reali  come questo ci aiutano a combattere la devianza giovanile. L’idea è di canalizzare le energie dei giovani a rischio in attività ludiche e sportive, proprio come la boxe, in quartieri cosiddetti sensibili come la Sanità, dove al processo di rigenerazione messo in atto anche grazie alla Municipalità, stiamo accompagnando la nostra attività di prevenzione e repressione oltre che di smantellamento dei clan. Spero che la Sanità diventi un modello da imitare”.

Un articolo di Antonio Barnabà pubblicato il 10 Luglio 2018 e modificato l'ultima volta il 10 Luglio 2018

Articoli correlati

News | 25 Novembre 2020

L’ADDIO

I ricordi del Napoli di ieri e di oggi

Attualità | 31 Agosto 2020

LA DERIVA

Napoli, Anm: la propaganda leghista viaggia sul servizio pubblico

Attualità | 26 Marzo 2020

L’ARIA STANTIA

Dopo le fake sulla Pignasecca, il Rione Sanità nel mirino dei media