sabato 24 agosto 2019
Logo Identità Insorgenti

Napoli. Incendio doloso all’Università Federico II, si cercano i responsabili

News | 14 Marzo 2018

Dopo l’incendio di stamattina al secondo piano della sede storica dell’Università Federico II di Napoli, provocato da un piccolo contenitore con liquido infiammabile, sono partite le indagini da parte della Digos per ricostruire le dinamiche dell’evento e individuare i responsabili.

Grande preoccupazione in queste ore tra le aule di una delle più importanti università italiane, la Federico II di Napoli, in seguito a un incendio, di matrice dolosa, divampato questa mattina in una stanza del personale amministrativo.

Un episodio per fortuna senza gravi conseguenze, ma che lascia tanti dubbi sulle dinamiche e sulle possibili motivazioni. Stando alle prime indiscrezioni, l’ufficio interessato, in cui si sono registrati danni lievi nonostante l’esplosione provocata da un piccolo contenitore con liquido infiammabile, sarebbe quello della Coinor, diretto dal professore Luciano Mayol, il quale, tra le tante attività, coordina tutte le iniziative con la Apple per la iOs Academy. Da qui una possibile pista da seguire da parte degli agenti della Digos, mentre è da escludere categoricamente il coinvolgimento degli studenti.

Spiega infatti il rettore Gaetano Manfredi: “È un fatto gravissimo. E’ un atto che desta preoccupazione. E lo è tanto più che è avvenuto in orario di lavoro. Al momento dell’incendio, per fortuna erano in pochi. Non sono stati i nostri studenti, loro amano l’università. Per il passato, abbiamo avuto contestazioni, ma mai di questo peso. I ragazzi del Consiglio studentesco hanno espresso la loro preoccupazione per quanto accaduto”.

Un articolo di Antonio Barnabà pubblicato il 14 Marzo 2018 e modificato l'ultima volta il 14 Marzo 2018

Articoli correlati

Attualità | 10 Luglio 2019

ILVA TARANTO

Nulla di fatto al vertice Mise, intanto la Procura spegne l’altoforno 2

News | 17 Maggio 2019

Parco della Marinella, entro l’anno i lavori di riqualificazione

News | 16 Maggio 2019

VIDEO | Accorinti, già sindaco di Messina: “Salvini? Un nazi-fascista”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi