fbpx
mercoledì 15 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

NAPOLI NEL MONDO

A New York e San Francisco una rassegna sul cinema e la pizza: “Tu vuò fa ‘o napulitano” per celebrare l’arte dei pizzaiuoli

Agroalimentare, Identità, Mondo, NapoliCapitale | 19 Aprile 2018

Sophia Loren è una pizzaiola nell’Oro di Napoli, Giancarlo Giannini conquista Monica Vitti preparandole una pizza a forma di cuore nel film di Scola ‘Dramma della gelosia.. tutti i particolari in cronaca’, Julia Roberts mangia una pizza in ‘Mangia, Prega e Ama’. Sono alcuni esempi del legame che la pizza ha con il cinema .’Tu vuo’ fa’ il napoletano – Facce da Pizza’ è un omaggio alla pizza proprio attraverso il suo legame con il cinema. Ieri e oggi, giorno di chiusura della manifestazione, a New York,  i pizzaioli famosi negli Stati Uniti come Pasquale Cozzolino, Rosario Granieri, Ciro Iovine, Mike Bancale assieme ad Antonio Pace, presidente dell’Associazione Verace Pizza napoletana, Peppe Miele, delegato della VPN Usa, hanno raccontato e racconteranno delle storie e della cultura della vera pizza napoletana, dei suoi segreti, delle eccellenze che la compongono, dell’indotto e di cosa cambia dopo il riconoscimento Unesco.

L’idea alla base della rassegna è quella di esaltare questo “patrimonio mondiale” Unesco dell’arte dei pizzaioli napoletani insieme a una pietanza una volta considerata cibo dei poveri ora sulle tavole degli chef più famosi proprio grazie all’eccellenza dovuta agli ingredienti che la compongono, celebrandola anche attraverso tanti film: la pizza compare in centinaia di pellicole, sia italiane che straniere, a volte presente in scene che hanno segnato la memoria dei telespettatori.

L’iniziativa è patrocinata e supportata dal MIBACT – Direzione Cinema e tra gli altri eventi prevede anche una serata alla Casa Italiana Zerilli-Marimò della New York University dove è stato presentato in esclusiva il film ‘Arrangiarsi’ del regista californiano di origini italiane Matteo Troncone, che ha trascorso oltre un anno a Napoli ‘arrangiandosi’ appunto come pizzaiolo. E quale modo migliore per avvicinarsi alla cultura di Napoli se non da dentro una pizzeria.

I video girati nelle pizzerie Ribalta e Song e Napule NY lo raccontano bene…

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 19 Aprile 2018 e modificato l'ultima volta il 19 Aprile 2018

Articoli correlati

Agroalimentare | 3 Luglio 2020

ECCELLENZE DALL’IRPINIA

Il pecorino di Carmasciano è Presidio Slow Food, storia e tradizione della Valle d’Ansanto

Agroalimentare | 11 Giugno 2020

APN VS AVPN

E’ pizza war. Scontro tra associazioni sul forno elettrico: “Si rischia di perdere il riconoscimento Unesco”

Agroalimentare | 10 Giugno 2020

LA SVOLTA

La pizza napoletana col forno elettrico è certificata. Decisione storica dell’Associazione Verace Pizza Napoletana

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi