sabato 17 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

NAPOLI RITROVATA

Il Cristo di Michelangelo Naccherino: mille frammenti di un capolavoro

Beni Culturali, Cultura, Identità, NapoliCapitale | 13 Luglio 2016

cristo di naccherino

Quasi dimenticato, nella Chiesa di San Carlo all’Arena giace un’opera di commovente bellezza.
È il Cristo crocifisso scolpito nel marmo da Michelangelo Naccherino nel 1599.

Fu ritrovato nel 1835 nascosto e abbandonato in un ripostiglio della Sagrestia dello Spirito Santo. Collocato sull’altare maggiore di San Carlo all’Arena lì vi rimase per circa cento anni.

Nel 1927 un furioso incendio davasto’ la Chiesa, il Cristo crollò al suolo frantumandosi. Giace quasi abbandonato. Ma quasi.

Ogni giorno, tutte le sere è vegliato da un piccolo gruppo di vecchine.

cristo di naccherino 2

Col capo chino, sciogliendo le loro litanie, accarezzano quelle bianche carni martoriate.

E’ l’ennesimo momento questo, della bellezza e dell’importanza di una città che un giorno fu una grande capitale, ricca di opere e di artisti e che lotta ancora, ogni giorno, per tornare ad esserlo.

Passo dopo passo, dietro ogni portone, di chiesa o di palazzo, scopriamo questi incantesimi nascosti. Godiamone e diffondiamo la conoscenza di questa antica grandezza.

La nostra anima, la nostra identità.

Enzo Di Paoli ass.cult. locus iste

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 13 Luglio 2016 e modificato l'ultima volta il 13 Luglio 2016

Articoli correlati

Beni Culturali | 13 Aprile 2021

Palazzo Fuga, lettera al Sindaco: “Perduti otto anni. Volevamo farne il museo più grande del mondo”

Beni Culturali | 8 Aprile 2021

Primo giorno ufficiale da Direttore di Pompei per Gabriel Zuchtrieghel

Beni Culturali | 31 Marzo 2021

Gladiatori. Inaugurata in modalità virtuale la grande mostra al MANN