fbpx
sabato 23 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

Napoli. Ritrovata una presunta opera inedita di Eduardo De Filippo

News | 25 Agosto 2017

L’opera, intitolata “Dduie paciune” e recante sul frontespizio la firma “Eduardo De Filippo”, è stata ritrovata dall’attore Giulio Adinolfi nel corso dei lavori di catalogazione dell’archivio personale di Enzo Cannavale

A distanza di 33 anni dalla morte, i geniali testi di Eduardo De Filippo continuano a costituire delle pietre miliari del teatro mondiale.

Desta pertanto un’ondata di acceso stupore la notizia, rimbalzata in queste ore, del clamoroso ritrovamento di un atto unico, dal titolo “Dduie paciune“, attribuibile al grande commediografo partenopeo.

Stando alle prime ricostruzioni, l’inedito testo è stato scoperto dall’attore Giulio Adinolfi nel corso dei lavori di catalogazione dell’archivio personale di Enzo Cannavale che, da qualche mese, è conservato nella Libreria del cinema e del teatro.

Spiega il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli: “Alessandro Cannavale, figlio di Enzo, ha pubblicato, sul suo profilo fb, la foto della prima pagina del copione, chiedendo aiuto per capire se sia davvero un inedito. Immediatamente s’è avviato un tam tam tra artisti e critici teatrali, ma, al momento, nessuno ricorda l’esistenza di questo copione”.

Si infittisce quindi il mistero di queste pagine le quali, se le dovute ricerche dei prossimi mesi dovessero confermarlo, regalerebbero a tutti noi una nuova gemma della strabiliante produzione eduardiana, vanto e orgoglio di Napoli in tutto il mondo.

Un articolo di Antonio Barnabà pubblicato il 25 Agosto 2017 e modificato l'ultima volta il 25 Agosto 2017

Articoli correlati

News | 25 Novembre 2020

L’ADDIO

I ricordi del Napoli di ieri e di oggi

Attualità | 31 Agosto 2020

LA DERIVA

Napoli, Anm: la propaganda leghista viaggia sul servizio pubblico

Identità | 16 Marzo 2020

L’OPINIONE

Ode al balcone: “perché da soli si muore”