fbpx
lunedì 30 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

NAPOLI TEATRO FESTIVAL

Si apre con i Foja (anche in streaming) e il progetto Rua Catalana, tra Palazzo reale e Reggia di Capodimonte

Cultura | 30 Giugno 2020

Al via domani mercoledì 1 luglio la tredicesima edizione del Napoli Teatro Festiva.

La drammaturgia catalana incontra la lingua napoletana con la prima assoluta de Il Prestito; la musica dei Foja invade Capodimonte con Miracoli e Rivoluzioni; a Palazzo Reale una lezione di storia del teatro dedicata ad Antonin Artaud

Una partenza, o ri-partenza, quella del Napoli Teatro Festival, nel segno del legame che unisce la drammaturgia catalana alla lingua napoletana, della musica dei Foja e della storia del teatro, la tredicesima edizione del Napoli Teatro Festival Italia, la quarta diretta da Ruggero Cappuccio, realizzata con il sostegno della Regione Campania, presieduta da Vincenzo De Luca, e organizzata dalla Fondazione Campania dei Festival, guidata da Alessandro Barbano.

Si parte alle ore 19.00 a Palazzo Fondi con la prima assoluta de Il Prestito, divertente e geniale commedia di Jordi Galceran tradotta da Enrico Ianniello, e prodotta da Casa del Contemporaneo nell’ambito del progetto Rua Catalana- nuovo teatro catalano a Napoli, per la regia di Rosario Sparno, con Luca Iervolino e Luciano Saltarelli. Un direttore di banca nega un prestito a un cliente che in garanzia può dare solo la propria parola d’onore.

Grazie alla partecipazione attiva della Delegazione del Governo Catalano in Italia e dell’Istituto Ramon Llull, Rua Catalana coinvolge tre importanti compagnie indipendenti, che usano spesso il napoletano come lingua di riferimento per il loro lavoro artistico, nella messinscena di tre testi di altrettanti autori contemporanei, presentati con successo a Barcellona negli ultimi anni e riambientati a Napoli negli adattamenti e nelle traduzioni di Ianniello. Dopo Il Prestito (replica giovedì 2 luglio ore 19.00), sarà la volta di Fémmene Comme a Me di Pau Mirò, per la regia di Roberto Solofria, prodotto da Mutamenti/ Teatro Civico 14 (Palazzo Fondi 7-8 luglio ore 19.00). E ancora Mario Gelardi porta in scena Plastilina, scritto da Marta Buchaca, e prodotto dal Nuovo Teatro Sanità (Palazzo Fondi 14 – 15 luglio ore 19.00).

Sempre alle 19.00, il Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale ospiterà per la sezione Progetti Speciali Lampi Sulla scena-due lezioni di storia del teatro, a cura di Roberto D’Avascio per Arci Movie. Un percorso tra le vicende umane e artistiche di due figure del mondo del teatro che hanno segnato la scena internazionale del Novecento. L’appuntamento di mercoledì è dedicato a Antonin Artaud; giovedì 2 luglio invece a Sarah Kane. Le interpretazioni saranno di Gianni Sallustro e Maria Teresa Panariello.

La prima giornata del Festival si conclude alle ore 21.00, nel cortile della Reggia del Real Bosco di Capodimonte, con la musica dei Foja in Miracoli e Rivoluzioni. Un concerto-spettacolo con due anime, rappresentate in due atti, durante i quali il gruppo napoletano, attingendo al proprio canzoniere edito e inedito, indaga su tematiche legate alla sfera sentimentale e a questioni esistenziali e sociali, miscelando tradizione e modernità. La band porterà il suo energico folk-rock impreziosendolo con illuminazione architetturale e momenti di performance aerea.

 

Ben 13 gli spettacoli in streaming gratuito

Il Napoli Teatro Festival Italia, diretto da Ruggero Cappuccio, ad ogni modo fa già registrare il tutto esaurito. Chi non è riuscito a garantirsi un posto per uno dei 130 eventi previsti dal ricco programma, avrà comunque la possibilità di assistere in streaming a ben 13 spettacoli che saranno visibili gratuitamente sulla piattaforma Ecosistema digitale per la cultura della Regione Campania (https://cultura.regione.campania.it/en/web/teatro/live) e sui canali radio e video di CRC (Radio CRC Targato Italia e sul Canale 620 del Digitale Terrestre).

Quattro di questi, il concerto di apertura dei Foja, “Ho ucciso i Beatles”, “La mistica del cosmo” e il “Concerto tra scrittura e trascrittura” di Roberto De Simone, faranno parte anche di Estate all’Italiana Festival. Il progetto, nato dalla collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri – con la sua rete di Ambasciate, Consolati e Istituti Italiani di Cultura – e l’Associazione ItaliaFestival, offre al pubblico internazionale l’accesso a oltre due mesi di programmazione di spettacoli di grandissima qualità dei principali Festival italiani, fruibili online in streaming e on demand gratuitamente in tutto il mondo sul sito Italiafestival.tv.

Il Concerto dei Foja

Miracoli&Rivoluzioni, dei Foja – anche in streaming come detto sopra – è un nuovo spettacolo e avrà due anime che, in due atti, attingeranno dal canzoniere edito e inedito dei Foja indagando su tematiche legate alla sfera sentimentale e a questioni esistenziali e sociali, miscelando tradizione e modernità. La band suonerà il suo energico folk-rock impreziosendolo con illuminazione architetturale, a cura di Gianluca Sacco, e momenti di performance aerea a cura dell’artista Viola Russo/FUNA.

“I Miracoli, come l’amore, vanno oltre la comprensione umana, hanno a che fare con il sovrannaturale, mentre le Rivoluzioni, interiori e non, richiedono l’intervento dell’uomo per trasformare gli eventi; sono due termini di cui oggi più che mai abbiamo bisogno per affrontare il futuro, due parole a cui aggrapparci. Ripartiamo con un concerto dal vivo, felici di tornare a fare il nostro lavoro ma coscienti delle mille difficoltà che il settore dello spettacolo sta attraversando” -dichiarano i Foja -. Per questo spettacolo la vendita dei biglietti è “sold out” e per quanto ne siamo contenti ma ci rendiamo conto che è frutto delle restrizioni imposte per la sicurezza anti assembramento. Per questo motivo abbiamo deciso di accettare l’invito di trasmettere in diretta streaming, e il giorno dopo in differita streaming, il nostro spettacolo. Prassi diventata consuetudine che permetterà ai nostri fans di seguirci ugualmente e a noi di proporci ad un nuovo, e più ampio, pubblico. L’augurio – conclude la band – è che le condizioni attuali possano cambiare in breve tempo permettendoci di offrire uno show per tutti i nostri fans”.

 

Sul sito www.napoliteatrofestival.it sono consultabili le promozioni e gli eventi gratuiti.

 

ph credit: Riccardo Piccirillo / Ntfi 2020 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 30 Giugno 2020 e modificato l'ultima volta il 30 Giugno 2020

Articoli correlati

Cultura | 25 Novembre 2020

INTERVISTE A DISTANZA

Leggi, viaggia e colora: il libro d’illustrazioni e leggende da realizzare con il crowdfunding

Cultura | 20 Novembre 2020

NOMINE

Massimo Bray nuovo assessore alla Cultura della Puglia

Cultura | 2 Novembre 2020

2 NOVEMBRE

‘A Livella in edizione speciale e limitata, riedita da Marotta e Cafiero

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi