sabato 18 gennaio 2020
Logo Identità Insorgenti

Napoli terreno fertile per le imprese: dopo la Apple, anche Maticmind investe nel capoluogo campano

News | 26 Febbraio 2016

164204308-0b104eee-9827-4612-bc3f-53fe9aa8a173Napoli conferma il trend positivo degli ultimi anni, acquisendo sempre di più il ruolo di polo attrattivo per gli investimenti di imprese internazionali. Dopo la nota decisione di Apple di aprire a Bagnoli il primo Centro Europeo di Sviluppo delle App, anche la Maticmind, nota azienda mondiale dell’Information Technology, ha deciso di investire sul territorio partenopeo, inaugurando una nuova sede operativa di oltre 600 metri quadrati, dove lavoreranno 130 lavoratori, ex dipendenti dell’azienda Hp di Pozzuoli, i quali erano rimasti senza lavoro dopo la chiusura del sito nell’area flegrea. Ha affermato il presidente di Maticmind Carmine Saladino:” E’ stata una scelta, non un obbligo. La Campania ha un portafoglio di competenze che non ha il resto d’Italia e ciò è frutto anche delle Università e di centri molto competenti che preparano ragazzi che possono essere impiegati per le sfide della digital economy e information technology. Ecco perché Maticmind ha aperto la sua sede a Napoli con l’obiettivo di ampliare anche l’offerta per i propri clienti, aprendo di conseguenza, alla possibilità di ottenere nuove commesse”. Si prospetta un ennesima occasione per il nostro territorio di dimostrare le sue enormi potenzialità, grazie alle lungimiranti visioni di imprese serie, capaci di andare oltre gli sterili stereotipi, molte volte utilizzati perfino dalle istituzioni locali e nazionali per giustificare le loro strutturali incapacità.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 26 Febbraio 2016 e modificato l'ultima volta il 26 Febbraio 2016
#Napoli  

Articoli correlati

Eventi | 17 Gennaio 2020

EVENTI

‘O Pizzaiuolo, un libro per raccontare la professione napoletana patrimonio Unesco

NapoliCapitale | 15 Gennaio 2020

LA REPLICA

Altro che meta esotica: Napoli da sempre regina del Grand Tour

Attualità | 4 Gennaio 2020

IL CASO

La Ztl per i bus turistici a Napoli prorogata di un mese: un modo per preservare l’ambiente o il preludio di una “tassa” di ingresso?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi