fbpx
sabato 11 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

Napule, tu e io di Antonio de Curtis

'O Pinnolo | 20 Gennaio 2020

Io voglio bene a Napule
pecchè ‘o paese mio
è cchiù bello ‘e na femmena,
carnale e simpatia.
E voglio bene a te
ca si napulitana
pecchè si comm’a me
cu tanto ‘e core ‘mmano.

A
Saje scrivere, saje leggere
parole ‘e passione;
saje ridere, saje chiagnere
sentenno na canzona.
Napule, tu e io…
simme tre ‘nnammurate:
simmo na cosa sola,
gentile e appassiunata.
Nuie simmo ‘e figlie ‘e Napule,
Vommero, Margellina :
quanno se dice “Napule”
s’annomena ‘a riggina!

Antonio De Curtis

Un articolo di Lucilla Parlato pubblicato il 20 Gennaio 2020 e modificato l'ultima volta il 20 Gennaio 2020

Articoli correlati

'O Pinnolo | 11 Dicembre 2019

Nun me ce trovo: la canzone poesia di Titina De Filippo

'O Pinnolo | 10 Dicembre 2019

‘O culore d’e pparole secondo Eduardo

'O Pinnolo | 9 Dicembre 2019

20 anni senza Pupella: ecco la sua “‘A bionda avvelenata”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi