sabato 20 luglio 2019
Logo Identità Insorgenti

NeaPolisRestArt, il nuovo format di diffusione non convenzionale dell’arte e della cultura oltre i confini del MANN

Eventi | 2 Luglio 2017

Sarà presentato al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, il prossimo 6 luglio alle ore 17.00, NeaPolisRestArt, il nuovo format di diffusione non convenzionale dell’arte e della cultura oltre i confini de MANN.

Obiettivo del progetto è la valorizzazione sociale, culturale e artistica di Forcella, uno dei quartieri più suggestivi e complessi della città di Napoli, da lungo tempo escluso dai tradizionali circuiti turistici, ma che per la sua posizione strategica (“porta di ingresso” alla città per chi arriva dalla Stazione Ferroviaria di Piazza Garibaldi) e per il suo considerevole portato storico, artistico e archeologico, si trasformerà in un vero e proprio “museo diffuso”.
Lo sviluppo del progetto NeaPolisRestArt , si articolerà inizialmente in due differenti fasi operative che convergeranno, al termine delle attività laboratoriali e di ricerca, in un unico percorso artistico dal MANN verso Forcella e viceversa.

La prima fase del progetto, ovvero, “Diario di viaggio da Forcella al MANN” vedrà il coinvolgimento diretto delle generazioni più giovani che vivono nel quartiere, durante la quale saranno introdotti a un percorso di conoscenza e “rilettura” dei tesori custoditi all’interno del MANN, lasciando loro la possibilità di descrivere in prima persona le opere più indicative del Museo in una chiave interpretativa inedita, ricca di sincretismi e riferimenti alle odierne abitudini. Durante l’elaborazione al fianco dei ragazzi si alterneranno in un brain storming le figure di archeologi, story tellers, artisti, fumettisti e scrittori per dar vita a quella che sarà una nuova “guida” del Museo corredata da espressioni culturali tipicamente partenopee.

La seconda fase del progetto, ovvero, “Art dint’ ‘o street” prevede la creazione di un percorso ragionato e inedito attraverso il centro storico, che dal Complesso dell’Annunziata porti fino al Mann attraverso siti artistici desueti e sconosciuti agli stessi napoletani. Lungo il percorso, quindici murales reinterpreteranno alcune tra le opere più indicative custodite al MANN – curati da artisti internazionali e writers napoletani in stretta collaborazione con gli abitanti dell’area -, che non solo riqualificheranno mura, vicoli ed edifici ma contribuiranno ad accrescere il patrimonio fruibile in termini di valorizzazione sociale, culturale e turistica.

Questa operazione di recupero socioculturale, voluta fortemente dal Direttore del MANN, Paolo Giulierini, dall’Associazione Culturale Agora, dall’Assessorato Turismo e Cultura, nella persona di Nino Daniele, in collaborazione con il Prof. Mario Punzo dell’Accademia delle Belle Arti, della Scuola Italiana Comix e dell’I.C.S. “Adelaide Ristori“, si innesta in un nuovo modo di “vivere l’arte” attraverso la diffusione non convenzionale del patrimonio artistico della città oltre lo spazio confinato del Museo, contribuendo allo stesso tempo alla rinascita di uno dei quartieri più affascinanti e complessi di Napoli.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 2 Luglio 2017 e modificato l'ultima volta il 2 Luglio 2017

Articoli correlati

Eventi | 16 Luglio 2019

IL CONCERTO

Al Noisy Festival l’inedito duo Enzo Avitabile e Kamasi Washington

Eventi | 16 Luglio 2019

AL CENTRO CAMPANIA

Per luglio in jazz c’è Dianne Reeves in concerto

Eventi | 16 Luglio 2019

L’EVENTO

Forcella a porte aperte: tango e fiabe alla Fondazione Banco di Napoli

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi