fbpx
giovedì 26 novembre 2020
Logo Identità Insorgenti

NEL TORINESE

Seviziato (per gioco?) con un attrezzo sportivo, eppure non è un caso antropologico nazionale

Attualità | 18 Ottobre 2014

ambulanza

Cose che – purtroppo – succedono ovunque, ma solo a Napoli diventano notizie sconvolgenti. Accade così che a pochi giorni dallo sconcertante caso del ragazzino seviziato con un tubo di aria compressa a Pianura, un episodio simile è accaduto a Cantalupa, nel Pinerolese. Solo che secondo i giornali, vedi Repubblica tanto per dire, “non è stato frutto di bullismo ma di un’incosciente goliardia”.

Ah, dunque, se succede a Torino è innocente goliardia? Benissimo. Certo è che a rimanere vittima di questo “scherzetto” è ugualmente a un quindicenne e lo “scherzetto” ha causato al ragazzo gravi lesioni al retto e all’intestino, ne ha provocato il ricovero in ospedale e un intervento d’urgenza eseguito nella notte.

E’ successo in una palestra, dove il malcapitato e l’amico stavano eseguendo alcuni esercizi di squat, che consistono nell’accosciarsi piegando le ginocchia allo scopo di rafforzare i muscoli delle gambe e dei glutei. Uno dei due, per scherzo, ha posizionato un attrezzo sportivo, del tutto simile a un bastone, sotto l’altro subito prima di una flessione: quando il poveretto si è abbassato, è rimasto ferito dal bastone.

La vittima è stata trasportata all’ospedale “Agnelli” di Pinerolo in condizioni inizialmente gravissime per la perforazione dell’intestino retto e per la conseguente emorragia. A salvargli la vita è stato l’intervento chirurgico del dottor Donato Sacco, primario dell’ospedale. Il ragazzo si trova ora nel reparto di chirurgia ad alta intensità. Il fatto è stato segnalato dall’ospedale alla procura dei minori di Torino per gli accertamenti del caso. Inutile aspettarvi analoga enfasi nel leggere questa notizia quale quella riservata agli episodi di Pianura. NON E’ SUCCESSO A NAPOLI ERGO NON SE NE PARLERA’ PIU’ DI TANTO.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 18 Ottobre 2014 e modificato l'ultima volta il 18 Ottobre 2014

Articoli correlati

Attualità | 25 Novembre 2020

VISTA DA FUORI NAPOLI

Vorrei stare lì, nella mia città, a piangere Maradona, uno di noi

Attualità | 25 Novembre 2020

I TIFOSI

Il San Paolo illuminato per Diego: “Intitolatelo subito a Maradona”

Attualità | 25 Novembre 2020

IL RICORDO DEI TIFOSI

“Caro Diego, non siamo pronti a dirti addio”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi