fbpx
martedì 26 maggio 2020
Logo Identità Insorgenti

NESSUN UOMO E’ ILLEGALE

In 3mila a Napoli dicono no al Razzismo. Appuntamento all’11 marzo

Attualità, Battaglie, Integrazione, NapoliCapitale | 1 Marzo 2017
 

Il comunicato del comitato promotore del 1 marzo antirazzista a Napoli. L’11 anche loro in piazza con noi per il corteo antirazzista e antiSalvini.

Oltre tremila persone alla Manifestazione antirazzista che si è tenuta oggi a Napoli, tantissimi migranti e rifugiati, ma anche tante presenze autoctone a partire dai movimenti di lotta di precari e senza casa, le associazioni, i sindacati, le realtà autorganizzate e autogestite e il coordinamento “Non una di Meno”. Un segnale davvero importante (in un giorno feriale!), di solidarietà e di lotta nella giornata di mobilitazione internazionale contro il razzismo, le guerre e la discriminazione. Migliaia di donne e uomini che vivono nella nostra città hanno voluto dire insieme che rifiutano un futuro fatto di guerre, muri, divisioni e filo spinato, rivendicando libertà e diritti contro i governi dell’austerità e delle deportazioni!

La manifestazione si è conclusa con un incontro in Prefettura con il vicario del Prefetto cui sono state esposte le rivendicazioni più generali della mobilitazione (abolizione della “Bossi-Fini”, approvazione della legge sul diritto di cittadinanza per i minori immigrati, opposizione al nuovo decreto “Minniti” che nega il diritto d’asilo e produce solo clandestinità, minacciando anche la possibilità della creazione di CPR -centri per la deportazione- in ogni regione, cui ci opponiamo fin da subito) ma anche importanti elementi vertenziali su quel che accade nei nostri territori.

Da un lato le migliaia di permessi bloccati per assurde rigidità e formalismi sui certificati di residenza e sui passaporti, in violazione anche della normativa in materia, dall’altro l’assurda condizione di chi aspetta una valutazione della commissione per l’asilo nei Cas (centri accoglienza straordinaria) anche da due-tre anni!!

Una situazione intollerabile che crea le premesse per la cosiddetta “emergenza accoglienza” e che si potrebbe risolvere alla base velocizzando la commissione e rilasciando i permessi di soggiorno umanitari invece dei tanti dinieghi a chi non è destinatario di provvedimento di asilo. Invece affaristi e speculatori possono lucrare per centinaia di migliaia di euro sulle spalle dei migranti e rifugiati. Sulla situazione dei Cas si è segnalato una serie di casi che presentano evidenti abusi dei diritti umani per chi ci vive, la mancanza dei medici, le pessime condizioni igieniche, la mancata erogazione dei già miserabili pocket money.

In particolare l’illegale trattenimento dei minorenni in strutture per adulti invece di garantire un percorso di accoglienza adeguato. Su queste ultime questioni la Prefettura ha “assicurato” un intervento immediato. Mentre sulla rivendicazione più generale che riguarda i permessi di soggiorno da sbloccare e il riconoscimento dei documenti e delle tutele umanitarie ancora tanto è da fare, a partire dall’incontro già fissato con il Questore di Napoli per il 9 marzo. Data nella quale la manifestazione di oggi ha già lanciato un SIT-IN sotto la questura in via Medina.
Nei prossimi giorni incontreremo anche il Sindaco di Napoli per porre le questioni del diritto alla residenza e di un’accoglienza diffusa che rispetti finalmente la libertà e l’autonomia delle persone.

La solidarietà dell’intero corteo va anche alla popolazione rom di via delle Brecce, che rischia di essere nuovamente sgomberata con centinaia di bambini che presto potrebbero finire in strada, mentre la Prefettura tiene “sequestrati” fondi dedicati per 16 milioni di euro e ancora oggi ha confermato la sua inerzia rispetto alla costruzione di alternative abitative davvero dignitose.

L’11 marzo ci riconosciamo e parteciperemo infine alla mobilitazione contro la venuta di un simbolo della xenofobia e del razzismo come Salvini.

No alla guerra tra poveri, costruiamo un mondo libero e senza confini. Un altro mondo è possibile!

Ce n’est qu’un debut, continuons le combat!!

Comitato Promotore Primo Marzo Antirazzista

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 1 Marzo 2017 e modificato l'ultima volta il 30 Aprile 2017

Articoli correlati

Attualità | 26 Maggio 2020

LA VERA STORIA

Piazza Bellini, Walter ferito per difendere un’amica: un artista-pilastro dell’hip hop napoletano

Attualità | 25 Maggio 2020

LA RIFLESSIONE

Scendendo a Marechiaro il mondo si ferma. E sei dentro Napoli

Attualità | 25 Maggio 2020

RIFLESSIONI DI UN GIORNALISTA

Parte e vittima dell’infodemia: vi racconto il mio punto di rottura

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi