sabato 17 aprile 2021
Logo Identità Insorgenti

Nuova scoperta a Pompei: rinvenuto un carro da parata integro

Beni Culturali | 27 Febbraio 2021

Il Parco Archeologico di Pompei e la Procura della Repubblica di Torre Annunziata, annunciano il rinvenimento di un reperto straordinario, emerso integro dallo scavo della villa suburbana in località Civita Giuliana, a nord di Pompei, oltre le mura della città antica, nell’ambito dell’attività congiunta, avviata nel 2017 e alla luce del Protocollo d’Intesa sottoscritto nel 2019finalizzati al contrasto delle attività illecite ad opera di clandestini nell’area.

Il ritrovamento: un unicum in Italia

Un grande carro cerimoniale a quattro ruote, con i suoi elementi in ferro, le bellissime decorazioni in bronzo e stagno, i resti lignei mineralizzati, le impronte degli elementi organici (dalle corde a resti di decorazioni vegetali), è stato rinvenuto quasi integro nel porticato antistante alla stalla dove già nel 2018 erano emersi i resti di 3 equidi, tra cui un cavallo bardato.

Un altro tassello al puzzle della villa di Civita Giuliana

Un ritrovamento eccezionale, non solo perché aggiunge un elemento in più alla storia di questa dimora, al racconto degli ultimi istanti di vita di chi abitava la villa, e più in generale alla conoscenza del mondo antico, ma soprattutto perché restituisce un reperto unico – mai finora rinvenuto in Italia – in ottimo stato di conservazione.

Uno scavo con duplice finalità

Il progetto di scavo in corso ha una duplice finalità: da un lato cooperare nelle indagini con la Procura di Torre Annunziata, per arrestare il depredamento del patrimonio culturale ad opera di clandestini che nella zona avevano praticato diversi cunicoli per intercettare tesori archeologici; dall’altro portare alla luce e salvare dall’azione di saccheggio una delle ville più significative del territorio vesuviano.

I cunicoli dei clandestini

Gli scavi, che hanno permesso di verificare anche l’estensione dei cunicoli dei clandestini e i danni perpetrati al patrimonio, sono stati accompagnati costantemente da attività di messa in sicurezza e restauro di quanto emerso via via. Lo scavo, infatti, ha mostrato fin dall’inizio una notevole complessità tecnica-operativa in quanto gli ambienti da indagare sono in parte al di sotto e a ridosso delle abitazioni moderne, con conseguenti difficoltà sia di tipo strutturale che logistico.

Un Pilentum?

“Per l’Italia un unicum – racconta all’Ansa Massimo Osanna, direttore uscente del Parco archeologico di Pompei e responsabile scientifico dello scavo – una scoperta di grandissima importanza per l’avanzamento della conoscenza del mondo antico. ” Il carro fa pensare per il rivestimento ricco di decorazioni a tema erotico ad una aristocratica cerimonia di nozze. Incredibile il ritrovamento delle impronte di due spighe di grano lasciate su un sedile. Potrebbe trattarsi di un Pilentum. Una sorta di automobile di alta rappresentanza per le classi abbienti.

Foto di Luigi Spina

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 27 Febbraio 2021 e modificato l'ultima volta il 27 Febbraio 2021

Articoli correlati

Beni Culturali | 13 Aprile 2021

Palazzo Fuga, lettera al Sindaco: “Perduti otto anni. Volevamo farne il museo più grande del mondo”

Beni Culturali | 8 Aprile 2021

Primo giorno ufficiale da Direttore di Pompei per Gabriel Zuchtrieghel

Beni Culturali | 31 Marzo 2021

Gladiatori. Inaugurata in modalità virtuale la grande mostra al MANN