mercoledì 23 gennaio 2019
Logo Identità Insorgenti

NUOVI SPAZI A NAPOLI

Si aprono al pubblico le porte del Circolo Artistico Politecnico: nasce la Casa-Museo

Beni Culturali, Storia | 17 Maggio 2018

Il 14 maggio 2018 alle ore 18.00 si è inaugurata la nuova casa-museo della Fondazione Circolo Artistico Politecnico, che apre definitivamente le porte dell’esclusivo circolo: 500 opere pittoriche e 80 sculture, 5000 foto e migliaia di volumi della Biblioteca Ferdinando Russo con annesso Archivio Storico.

Ne primi decenni del ‘600, il Cardinal Viceré Antonio Zapata rilevò l’ex-foresteria reale in quella che è oggi Piazza Trieste e Trento, e la proprietà dopo vari passaggi fu ristrutturata da Carlo Vanvitelli all’inizio del 1800 e affittata al “Circolo Artistico Politecnico” nel secolo successivo.
Il Politecnico, nato definitivamente nel 1907 dalla fusione tra la primitiva Società degli Artisti, Circolo Forense e Circolo Politecnico, è un esclusivo “club” culturale opera da 130 anni nel cuore di Napoli: la nuova casa-museo permetterà di visitare le sale e le opere d’arte contenute, nonché di consultare tutto attraverso un museo “smart” con Q-code azionabili dal cellulare e tablet.

Dal martedì al sabato, potremo conoscere uno dei circoli più esclusivi della città dalla ibrida formazione e lunghissima storia, frequentato da personalità fondamentali per Napoli.
Se infatti la sua anima è legata a quella alla fondazione nel 1888 della Società Napoletana degli Artisti in casa del pittore Eduardo Dalbono, con la complicità del Principe di Sirignano Giuseppe Caravita – illuminato mecenate e politico partenopeo- le iniziative cominciano alla grande grazie al sostegno della Casa Reale: nel 1891, il Politecnico patrocina infatti la “Prima Mostra Permanente” di autori come Morelli, Migliaro, Pratella, Mancini e Casciaro insieme a Gemito, D’Orsi, Irolli e tanti altri che frequentano il Circolo.
Il Politecnico nel corso del tempo si è andato strutturando mediante una larga forma di intesa tra soci e non, poeti e scrittori che vi tenevano conferenze, dibattiti e confronti (Serao, Di Giacomo, Russo, Carducci e tanti altri) unita alla frequentazione e l’esibizione di musicisti importanti (Mascagni, Leoncavallo, Gigli, Verdi, Tosti, di Capri ) fino ad ospitare divi del cinema muto (Francesca Bertini) e mille altre personalità che hanno lasciato autografi nella bella fototeca.

Nel 1961 nel Politecnico nasce la prima “Scuola di Arte drammatica” unitamente alla “Compagnia Stabile di Prosa” e al “Teatro dei giovani”; con “L’Artistico” –il periodico del Circolo- si fomenta in città l’attenzione per le nuove leve del teatro e della recitazione. All’interno del Politecnico furono fondate l’Accademia Napoletana di Scacchi, e rese operative scuole di danza e ginnastica ritmica. Negli anni ’50 furono dichiarati soci onorari politici come De Nicola e Leone.

Nelle sale che espongono dipinti, sculture e fotografie d’epoca, si respira aria di feste, intrattenimento, conversazioni e scambi di idee che hanno attraversato 130 anni di storia napoletana e nazionale.

Nello splendido salone Liberty di Giovanni Battista Comencini del 1911, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione della Casa-Museo, una breve presentazione del volume delle collezioni curato dalla prof.ssa Isabella Valente, e per una volta Comune, Regione e Cardinale erano presenti tramite loro delegati o messaggi, tutti uniti nel festeggiare l’ingresso nella contemporaneità di una istituzione unica che non ha pari in Italia per varietà di interessi.

Rossana Di Poce

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 17 Maggio 2018 e modificato l'ultima volta il 17 Maggio 2018

Articoli correlati

Beni Culturali | 21 Gennaio 2019

LA PETIZIONE

I sedili di Napoli a Bonisoli: “Via i ponteggi da San Lorenzo Maggiore”

Beni Culturali | 21 Gennaio 2019

ANTICIPAZIONI

La Magna Grecia al Mann: allestimento e restauri

Beni Culturali | 20 Gennaio 2019

ERCOLANO

Cantieri di restauro aperti ai visitatori

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi