lunedì 19 agosto 2019
Logo Identità Insorgenti

‘O PINNOLO

Fravecature di Raffaele Viviani

'O Pinnolo | 9 Settembre 2017

RAFFAELE VIVIANI
Poesie – 1930
FRAVECATURE

All’ acqua e a ‘o sole fràveca
cu na cucchiara ‘mmano,

pe’ ll’ aria ‘ncopp’ a n’anneto
fore a nu quinto piano

Nu pede miso fauzo,
nu movimento stuorto,

e fa nu volo ‘e l’angelo:
primma c’arriva, è muorto

Nu strillo; e po’ n’accorrere
gente e fravecature.

-Risciata ancora… E’ Ruoppolo!
Tene ddoie criature!

L’ aizano e s’ ‘o portano
Cu na carretta a mano.

Se move ancora ll’ anneto
Fore d’ ‘o quinto piano.

E passa stu sparpetuo
cchiù d’uno corre appriesso;

e n’ato, ‘ncopp’a n’anneto,
canta e fatica ‘o stesso.

‘Nterra, na pala ‘e cavece
cummoglia a macchia ‘e sango,

e ‘ sghizze se scereano
cu ‘e scarpe sporche ‘e fango.

Quanno o spitale arrivano,
‘a folla è trattenuta,

e chi sape ‘a disgrazia
racconta comm’è gghiuta.

E attuorno, tutt’ ‘o popolo:
-Madonna!—Avite visto?

-D’ ‘o quinto piano—‘E Virgine!
-E comme, Giesucristo…?!

E po’ accumpare pallido
chillo c’ ha accumpagnato:

e, primma ca ce ‘o spiano,
fa segno ca è spirato.

Cu ‘o friddo dint’a ll’anema
‘a folla s’alluntana

‘e lume gia s’appicciano
‘a via se fa stramano.

E a’ casa, po’, ‘e mannibbele,
muorte, poveri figlie,

mentre magnano, a tavola ,
ce ‘o diceno a ‘e famiglie.

‘E mamme ‘e figlie abbracciano,
nu sposo abbraccia ‘a sposa …

E na mugliera trepida ,
aspetta, e nn’ arreposa.

S’appenne ‘a copp’a ll’asteco
sente ‘o rilorgio : ‘e nnove!
Se dice nu rusario…
e aspetta nun se move.

L’acqua p’ ‘o troppo vòllere
s’è strutta int’ ‘a tiena,

‘o ffuoco è fatto cènnere
Se sente na campana.

E ‘e ppiccerelle chiagnano
pecchè vonno magnà’ :

-Mamma, mettiamo ‘a tavula!
-Si nun vene papà?

‘A porta ! Tuzzuleano:
-Foss’isso?—E va ‘arapi’.

-Chi site?—‘O capo d’opera.
Ruoppolo abita qui?

-Gnorsì, quacche disgrazia ?
Io veco tanta gente…

-Calmateve, vestiteve…
-Madonna!—E’ cosa ‘e niente.

E sciuliato ‘a l’anneto
d’’o primmo piano.—Uh, Dio!

e sta o spitale?—E’ logico.
-Uh, Pascalino mio!

‘E ddoie criature sbarrano
ll’uocchie senza capì;

‘a mamma, disperannose,
nu lamp a se visti’;

‘e cchiude ‘a dinto; e scenneno
pe’ grade cu ‘e cerine.

-Donna Rache’! –Maritemo
che ssà, sta e’ Pellerine.

E’ sciuliato ‘a ll’anneto.
-Si, d’ ‘o sicondo piano

E via facendo st’anneto,
ca saglie chiano chiano.

-Diciteme, spiegateme.
-Curaggio.—E’ muorto?!—E’ muorto!

D’ ‘o quinto piano.’All’anneto.
Nu pede miso stuorto.

P’ ‘o schianto, senza chiagnere,
s’abbatte e perde ‘e senze.

E’ Dio ca vo na pausa
a tutte ‘e sofferenze.

E quanno a’ casa ‘a portano,
trovano e ppìccerelle

‘nterra, addurmute. E luceno
‘nfaccia ddoie lagremelle.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 9 Settembre 2017 e modificato l'ultima volta il 9 Settembre 2017

Articoli correlati

'O Pinnolo | 6 Giugno 2019

‘O PINNOLO

‘O Pallone di Ferdinando Russo

'O Pinnolo | 29 Marzo 2018

LO STRUSCIO DEL GIOVEDI SANTO

La tradizione importata dalla Spagna: oggi si fa il giro delle “Sette chieselle”

'O Pinnolo | 22 Settembre 2017

‘O PINNOLO

Virgilio mago nella leggenda napoletana di Matilde Serao

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi