martedì 10 dicembre 2019
Logo Identità Insorgenti

OMICIDIO CIRO ESPOSITO

Ieri l’incidente probatorio: Alfonso Esposito avrebbe tentato di strappare l’arma a De Santis

Attualità | 4 Ottobre 2014

3

 

Si è tenuto ieri a Roma, dopo il rinvio per assenza dei periti del 24 settembre scorso, l’incidente probatorio sugli scontri avvenuti a Tor di Quinto poco prima che si giocasse la finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli e che hanno poi provocato la morte, dopo circa due mesi di agonia, di Ciro Esposito.

A sparare, sembra ormai fuor di dubbio, fu l’ex tifoso romanista Daniele De Santis, ben noto alle cronache giudiziarie romane e non solo e più conosciuto col soprannome di “Gastone” perché, come ci fa notare Vincenzo Esposito, lo zio di Ciro, costui riuscirebbe sempre a farla franca, uscendo “pulito” da ogni situazione potenzialmente pericolosa per la sua “libertà”, tanto per usare un eufemismo.

Angelo Pisani, legale della famiglia Esposito, da noi raggiunto telefonicamente di ritorno da Roma, si è così espresso:

Avvocato, cosa sarebbe emerso di rilevante dall’incidente probatorio tenutosi oggi al tribunale di Roma?

Abbiamo ascoltato i periti e ci siamo fatti spiegare la relazione del racis. Incalzati di domande, dalla perizia a nostro avviso sono emerse tante contraddizioni e in più, rispetto al coltello “trovato” per terra, non dalla scientifica ma da altro personale, è emerso che lo stesso non era macchiato di sangue ma presentava solo un alone di macchie ematiche. Dovranno quindi  dimostrare, ammesso che intendano ancora sostenere la tesi che De Santis abbia sparato solo dopo esser stato ferito, come poteva tale coltello causare ben 4 (invisibili) ferite e non riportare tracce ematiche più evidenti. La tesi difensiva che lamentava  le suddette coltellate inizia così a vacillare, mentre è emerso che la pistola maneggiata dal De Santis è l’ arma che ha sparato (e poi ucciso) Ciro.

Un Suo bilancio complessivo su quanto accaduto oggi in aula? 

E’ andato tutto molto bene, a mio avviso. Siamo fiduciosi sulla possibilità che molto presto possa emergere la verità sull’intera vicenda e sui nomi dei complici di De Santis.

Ulteriore novità emersa ieri alla presenza del gip Giacomo Ebner, riguarderebbe il tentativo, da parte di Alfonso Esposito, di afferrare la canna della pistola di De Santis con l’intenzione di strappargliela. Tale gesto giustificherebbe le tracce trovate sull’arma e riconducibili ad Alfonso appunto.

In udienza si è discusso anche dei guanti usati dal De Santis e poi ritrovati abbandonati in terra e bagnati all’interno del Ciak Village.

Il 9 ottobre i pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio interrogheranno invece De Santis, ancora ricoverato presso l’ospedale di Belcolle a Viterbo, e che fin qui si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Floriana Tortora

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 4 Ottobre 2014 e modificato l'ultima volta il 16 Dicembre 2014

Articoli correlati

Attualità | 7 Dicembre 2019

LA DENUNCIA

All’asta la casa natale di Pino Daniele: continua la speculazione sul centro storico

Attualità | 6 Dicembre 2019

A VARESE

Schiaffeggiava i suoi alunni chiamandoli terroni: maestra sospesa dal gip per sei mesi

Attualità | 6 Dicembre 2019

L’APPROFONDIMENTO

Maltempo: per l’emergenza 15 milioni al Sud, 130 al Nord

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi