fbpx
venerdì 7 agosto 2020
Logo Identità Insorgenti

ORRORE TRASFERITO

Il corno se ne va, ma non cantiamo vittoria. Ora subito il restauro della Reggia di Caserta

Arte e artigianato, Cultura, DueSicilieOggi, NapoliCapitale | 14 Dicembre 2013

Regia of Caserta: new lucky charm sculpture

E insomma alla fine tanto tuonò che piovve: l’orrendo corno rosso di Lello Esposito collocato davanti alla Reggia di Caserta, costato 70mila euro pagati con i fondi Pon, se ne va, come ha annunciato il sindaco-provocatore Pio del Gaudio, accogliendo con favore la  richiesta del ministro dei Beni Culturali Massimo Bray di spostare l’installazione.

«Ho telefonato al ministro Massimo Bray, con il quale è frequente la mia interlocuzione istituzionale anche in considerazione del significativo contributo che ha inteso esprimere per riservare attenzione nazionale a Caserta – dice Pio del Gaudio – e ho accolto con favore la sua richiesta di spostare l’installazione oggi presente in Piazza Carlo III, come più volte già anticipato anche telefonicamente al segretario generale Recchia e durante il vertice dello scorso 8 dicembre, nei tempi e nei modi delle procedure amministrative relative».

Al ministro, spiega ancora il sindaco, «ho ribadito che la nostra provocazione dell’installazione era considerata necessaria per fornire una risonanza nazionale e internazionale al nostro principale monumento cittadino con un’operazione di comunicazione e marketing territoriale. Ringrazio ancora una volta per la sensibilità che il ministro ha avuto, ha ed avrà nei confronti della nostra città».

Nulla però aggiunge Del Gaudio su quali sono i concreti risultati ottenuti dal ministero e su quando e come si intende procedere all’immediato restauro della Reggia di Caserta, che versa in condizioni pietose nè come saranno utilizzati e quando i fondi europei disponibili.

Dunque non possiamo certo cantare vittoria, se mancano le risposte reali al problema del degrado di un luogo patrimonio dell’Unesco, straordinariamente bello e abbandonato.

Lucilla Parlato

 

 

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 14 Dicembre 2013 e modificato l'ultima volta il 14 Dicembre 2013

Articoli correlati

Arte e artigianato | 4 Giugno 2020

CENTRO STORICO

Incontro con Salvini: le voci degli artigiani che si dissociano

Arte e artigianato | 4 Maggio 2020

LA MOBILITAZIONE

San Gregorio Armeno, la protesta degli artigiani

Arte e artigianato | 30 Aprile 2020

IL DRAMMA

Gli artigiani di San Gregorio Armeno: distanziamenti qui impossibili, aiutateci o sarà la fine

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi