martedì 2 marzo 2021
Logo Identità Insorgenti

DA PALERMO A MILANO

E’ deciso: all’Expo la Vucciria di Guttuso

Beni Culturali, Cultura | 26 Settembre 2014

vucciria guttuso

 

 

Se non è Calabria è Sicilia. La partita dei Bronzi di Riace è ancora tutta giocare. Ma i responsabili del Padiglione Italia hanno già deciso quali opere d’arte saranno ospitate in quello che si annuncia come lo spazio più visitato dell’intera Esposizione universale: tra queste c’è la Vucciria di Renato Guttuso, di proprietà dell’Università di Palermo, dove è custodita, nella Sala Dei Baroni. Cioè esattamente dove Guttuso aveva desiderato fosse, come raccontò Fabio Carapezza Guttuso, figlio adottivo dell’artista: “Era stato Guttuso, nella lettera per la donazione consegnata all’allora rettore La Grutta, a chiedere che il quadro dedicato al famoso mercato palermitano delle abbanniate fosse destinato a una sala rappresentativa come la Sala dei Baroni. Il suggerimento gli era stato dato da mio padre, Marcello Carapezza, allora pro rettore dell’Ateneo di Palermo. Guardando il suo amico Renato Guttuso impegnato nella realizzazione del quadro, gli aveva proposto di donarlo all’Università, appositamente per quella sala. Guttuso aveva accolto immediatamente l’idea e al termine del suo lavoro decise di regalare l’opera all’Università”. Luogo dove poi è finito realmente, dopo quarant’anni.  Adesso la spostano a Milano. Nel silenzio generale dei siciliani.

Le altre opere che saranno collocate, all’interno di Palazzo Italia, cuore del Padiglione nazionale, lungo un percorso ideato dal responsabile del concept, Marco Balich, in accordo col commissario generale di sezione Diana Bracco, saranno la Ebe di Antonio Canova – concessa in prestito dai Musei civici di Forlì, e tre tesori dell’archeologia, testimonianza della grande stagione dell’arte classica, due sculture di Demetra, provenienti dagli Uffizi e dai Musei vaticani, e un sostegno di mensa, in marmo dipinto, risalente al IV secolo avanti Cristo.

Gabriella Martini

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 26 Settembre 2014 e modificato l'ultima volta il 30 Aprile 2017

Articoli correlati

Beni Culturali | 27 Febbraio 2021

Nuova scoperta a Pompei: rinvenuto un carro da parata integro

Beni Culturali | 22 Febbraio 2021

Il Toro e l’Ariete. Da Wall Street al museo Salinas: storie di bestie e di potere

Beni Culturali | 20 Febbraio 2021

Pompei: è Gabriel Zuchtrieghel il nuovo Direttore