fbpx
lunedì 3 agosto 2020
Logo Identità Insorgenti

PERIFERIE ABBANDONATE

Lo Stadio Comunale di Scampia curato dai volontari (e abbandonato dalle istituzioni)

Periferie | 15 Giugno 2020

Scampia dà di nuovo l’esempio, rimboccandosi le maniche. Ancora una volta i volontari del quartiere colmano l’assenza dei giardinieri dell’ VIII Municipalità di Napoli per salvaguardare un bene comune: questa volta sono intervenuti nello Stadio Antonio Landieri in via Hugo Pratt.

Il Landieri è un impianto sportivo molto importante per il territorio di Scampia: su quel campo si allenano 5 società di calcio e più di 1000 giovani. Insomma un luogo essenziale anche per sottrarre i ragazzi dalla strada.

Ad oggi lo Stadio è chiuso dal 9 Marzo nel rispetto del Dpcm del 8 Marzo ma è dal Gennaio 2020 che nessuno curava il prato dell’impianto sportivo, di proprietà del Comune di Napoli ma gestito dall’VIII Municipalità, che come già vi abbiamo raccontato in un precedente articolo può contare solo su cinque giardinieri che non solo sono in numero già ridotto, ma non sono dotati nè dei DPI (dispositivi di protezione individuale) nè delle attrezzature.

Dal novembre del 2017, con un investimento di 400 mila euro, il manto da gioco del Landieri era diventato di erba sintetica. Il che non vuol dire che non necessiti di manutenzione: tant’è che rischiava di rovinarsi a causa delle erbacce spuntate in diverse zone del rettangolo di gioco. Mentre all’esterno l’erba era arrivata a crescere anche fino ai due metri.

Gli abitanti di Scampia sanno quanto hanno dovuto aspettare per avere un campo da gioco degno di essere chiamato tale ed è per questo che per evitare di far danneggiare il campo per l’incuria delle istituzioni, dei volontari hanno deciso di non restare con le mani in mano ma di mobilitarsi per evitare che subisse dei danni irreversibili.

L’iniziativa è nata da un’associazione del territorio “I Pollici verdi di Scampia” che ha fatto richiesta alla municipalità per offrirsi a ripulire le erbacce in eccesso. Positiva ovviamente la risposta del vicepresidente dell’VIII Municipalità, Salvatore Passaro, che li ha subito autorizzati.

I Pollici verdi sono un gruppo di volontari molto attivi nel territorio: si occupano della tutela dell’ambiente attraverso attività di recupero e di riqualificazione delle aree verdi del parco Corto Maltese che è un’area di 20mila metri quadri che si trova proprio alle spalle dello Stadio Antonio Landieri.

I volontari, in possesso degli attestati per l’utilizzo di attrezzature di lavoro come motosega, decespugliatore e tagliaerba,  non sono improvvisati e hanno svolto corsi di formazione per il taglio del verde. Poi, muniti di DPI, in soli due giorni – tra il 12 e il 13 Giugno – sono riusciti riportare il Landieri al suo splendore.

A sostenerli economicamente anche le società di calcio che, oltre a pagare l’affitto del campo al Comune, hanno aiutato il gruppo con le spese di benzina e olio per i macchinari.

Ancora una volta dunque i cittadini delle perfierie, senza scopi politici e di lucro, hanno colmato  l’assenza delle istituzioni sui un territorio come Scampia, dove non esiste la manutenzione ordinaria e si interviene, nemmeno sempre, solo in casi di emergenza.

Giuseppe Mancini

Ph Pollici verdi

Un articolo di Giuseppe Mancini pubblicato il 15 Giugno 2020 e modificato l'ultima volta il 15 Giugno 2020

Articoli correlati

Periferie | 3 Agosto 2020

SCAMPIA

Nuova vita per la pineta arcobaleno del Rione Monterosa

Periferie | 1 Agosto 2020

SCAMPIA

Il ministro Manfredi alla Scugnizzeria: “L’università qui partirà l’anno prossimo”

Battaglie | 20 Luglio 2020

LA PROTESTA

L’ultimatum di Officina delle Culture: “Consegneremo le chiavi al Sindaco”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi