fbpx
sabato 11 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

PIAZZA MERCATO

Il torneo di calcetto coi fuochi d’artificio ignorato dai comitati “politici” del centro

Attualità | 15 Giugno 2020

Un minuto di silenzio per i cari defunti, le loro foto stampate sulle maglie ed appese ai muri dei palazzi. Un’oleografia già nota, che prosegue secondo un copione prestabilito con fuochi d’artificio, musica neomelodica e fumogeni rossi: e anche quest’anno piazza Mercato si trasforma in un campo di calcio.

Non è la prima volta, non sarà l’ultima: piazza Mercato è da anni campo di calcio, come dimostrano le immagini satellitari presenti su google maps.  Quest’anno però la sensazione è che gli organizzatori abbiano fatto le cose in grande, c’è persino la diretta su instagram, il calendario on line, un nutrito pubblico ed il saluto  dell’ ex capitano del Napoli Paolo Cannavaro.

Probabilmente è sempre stato così, però il torneo clandestino quest’anno capita subito dopo due fatti di cronaca che hanno scosso l’opinione pubblica (i fumogeni a San Domenico per ricordare un giovane dei centri sociali e le tensioni di piazza Bellini)  e nella seconda fase post  covid.   Così, mentre ancora è vietato giocare a calcetto nei campi veri, mentre in Abruzzo si arrivano a fare ordinanze per il calcio amatoriale con divieti allucinanti quali il non marcare a uomo, il non fare scivolate e l’obbligo di recuperare pallone solo “tramite intercetto” e non con contrasti, in piazza Mercato si gioca. Ma qui i comitati che hanno sollevato altre polemiche evidentemente non sono interessati.  Noi siamo convinti che i ragazzi hanno diritto di giocare all’aperto (anche se magari era evitabile il contorno). Ma dato che in questo caso municipalità, forze dell’ordine, e soprattutto i solerti comitati del centro storico non si sono sentiti, ci chiediamo come mai. Forse questa vicenda era fuori dagli interessi elettorali?

 

 

https://www.instagram.com/p/CBVf5aaDP2S/?utm_source=ig_web_copy_link

 

https://www.instagram.com/p/CBeA0w9HKyG/

Un articolo di Fabrizio Reale pubblicato il 15 Giugno 2020 e modificato l'ultima volta il 18 Giugno 2020

Articoli correlati

Attualità | 11 Luglio 2020

LO SCEMPIO

Demolito un villaggio del ‘700 a Giugliano, al suo posto sorgeranno villette di lusso

Attualità | 6 Luglio 2020

PORTO DI NAPOLI

Il cantiere della nuova stazione marittima del Beverello tra caos e riqualifica urbana

Attualità | 3 Luglio 2020

LA POLEMICA

Palazzo Alto di Napoli Centrale: nessun vincolo dalla Soprintendenza

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi