lunedì 14 ottobre 2019
Logo Identità Insorgenti

PINNOLO

Ferdinando Russo: “Se tu sapisse…”

'O Pinnolo | 25 Agosto 2017

Si tu sapisse ’o male ca m’ ‘e fatto,
nun t’ abbastasse a chiagnere, nu mare !
Ma mo’ chili’ uocchie tuoi lucente e care
nun songo niente, niente cchiù, pe me !
E chisto core, abbambinato e tristo,
chino d’affànne e di ricuorde amare,
porta ‘a croce comm’ a Giesù Cristo
e saglie nu Calvario, apprìesso a te.
Saglie. ’A muntagna nun fernesce mai
pecchè mai fernarrà chisto delore !
Quanno veniste, s’arapette ’o core
nnanza all’ ammore che lè dive tu…
Ma quanno me lassaste e te ne jiste
senza ’o cunzuolo manco ’e na parola,
st’ anema spetta, abbambinata e sola,
manco ’a speranza ’a sustenette cchiù !
Quanto tiempo è passato ? Io nun ’o ssaccio !
’A mente nun raggiona e niente penza!
Comme supporta tanta sufferenza
io stesso nun m ’o spiego, ’a verità!
Appesa pe nu (ilo ’e nu capillo
veco sultanto chesta vita mia,
e tengo nfronte ’o ffuoco d’ ’a pazzia
ca tu m’ ’e dato e nun m’ ’o può luvà!
Nun avive ‘a veni, chiammanne ammore
e nun m’avive a di’ : « Te voglio bene ! »
Pecchi stu core, amariggiato ’e pene,
sempe te cercava, suspiranno ’e te!
Te sunnava sultanto, e te sapeva
luntano ’a isso, e s’era rassignato!
Ma quanno m’ ’e vuluto e m’ ’e abbracciato
o te ngannave, o me ngannave a me!

Ferdinando RUsso

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 25 Agosto 2017 e modificato l'ultima volta il 26 Agosto 2017

Articoli correlati

'O Pinnolo | 23 Settembre 2019

D’Esposito Manlio: il testo di Anema e Core (1950)

'O Pinnolo | 21 Settembre 2019

Di Giacomo-Costa: Era de Maggio (1885)

'O Pinnolo | 6 Giugno 2019

‘O PINNOLO

‘O Pallone di Ferdinando Russo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi