fbpx
martedì 31 marzo 2020
Logo Identità Insorgenti

Poesie Metropolitane, la rubrica dedicata alle poesie in napoletano

Senza categoria | 12 Gennaio 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con le poesie di Antonio Perrone e Rosa Mancini

Antonio Perrone

Antonio Perrone (Napoli 1991) è dottorando in Filologia presso l’Università Federico II di Napoli (relatore Giancarlo Alfano) e l’Université Paris 8 di Saint-Dénis (relatore Jean-Louis Fournel), con una tesi sulla lirica barocca. Ha lavorato sulla metrica di Pagliarani in un saggio pubblicato su COntemporanea 2017 (Fabrizio Serra editore) e in un altro su Testo a Fronte (in corso di pubblicazione). È redattore di Levania Rivista di Poesia, e ha pubblicato degli inediti su Nazione Indiana, Atelier, Poetarum Silva, Levania, Frequenze Poetiche. Ancora al 2017 risale la sua prima raccolta di poesia (Limina Mentis), e un lavoro di silloge con commento ai poeti italiani del ‘900 (Aracne).

Nel 2019 è finalista del premio Vita alla Vita, con l’inedito “Fiorivano tumori”, ed è curatore nello stesso anno di un’antologia sulle Scritture del Mediterraneo, in collaborazione con l’Orientale di Napoli (in uscita nel 2020 per la Unior Press).

Te svitasse cu ‘e ddete ‘e ppalle ‘e ll’uocchie

e mm’ ‘e avvitasse dinto a ll’uocchie mije

facessemo po’ a ccagno pe vvedè

chi vede meglio ‘e ‘n’ato e qual’uocchie

so’ cchiù arapute quale cchiù scetate

si e mije e e tuoje ‘nzieme nun valessero

a ffa’ capè ‘o ccutone dinto ‘a cruna

a ccosere nu bbavero cchiù lluongo

a stennere na rezza annanze e llume.

Antonio Perrone

Rosa Mancini

Rosa Mancini vive e lavora a Napoli. Classe 1986 scrive poesie da sempre. Partecipa a diversi concorsi di poesia e narrativa, pubblica un racconto nel 2015 per edizioni Unicopli di Milano “Un posto senza nome” nel libro “Letture metropolitane. Micro racconti per chi va di fretta” e nel 2016 il suo primo romanzo “Monologo di un abbandono” edito da LFA Publisher. Oggi lavora per il Gruppo Editoriale G.E.D.I come Agente pubblicitario, scrive per la testata “Il Mondo di suk”,  collabora con il Consorzio delle botteghe tessili di Piazza Mercato ed è Presidente dell’Associazione culturale no profit “Poesie Metropolitane”

Stuta tutte cose, tuorn’â casa.
‘O mare ‘e margellina te ‘nvita a gguardà ‘a vernata ‘a copp’â spiaggia.
E ppiscature ê pprimme luce d’ ‘o juorno cu ‘e ggiacche pesante e ccu ‘e sciarpe ‘e lana, vottano ‘e rrezze argiento a mmare.

E ppisce bbrillano e abballano felice, ‘o mare aiuta pure a lloro a sse libberà.
Varchetelle ‘e legno, senza marenare, appuiate ‘ncopp’ â scugliera, sott’ a ‘nu cielo janco, forze cchiù ttarde chiuvarrà.


‘Ncopp’ â spiaggia e ggabbiane se parlano pe ccapì addo se po magnà.
Stuta tutte cose, tuorn’â casa.
Va’ cchiù chianu, frena nu poco si ‘o ppuò ffà.
Guardale ‘e ccose d’ ‘a città toja,
Ll’addore d’ ‘a salsedina d’ a’ staggiona te parla dint’ ‘o silenzio ‘e ‘sta vernata fredda.
Quanno tutte dormene ancora, Napule se rivela comma ‘na puisia da leggere e ‘nu ciato.
Ma ch’arriva deritta dint’ ‘o core.

Rosa Mancini

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 12 Gennaio 2020 e modificato l'ultima volta il 12 Gennaio 2020

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 29 Marzo 2020

Le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 22 Marzo 2020

Le poesie napoletano dell’Associazione Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 15 Marzo 2020

Le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi