fbpx
domenica 5 aprile 2020
Logo Identità Insorgenti

Poesie Metropolitane, l’appuntamento settimanale con la poesia in napoletano

Poesie Metropolitane | 22 Dicembre 2019

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con le poesie di  Marianna Ciano e  Francesco Limite 

Marianna Ciano

Marianna Ciano nasce a Napoli da Gaetano e Anna. Inizia a scrivere da adolescente e vince vari concorsi con l’Associazione Poesie Metropolitane. Appassionata ambientalista da anni si batte contro il Biocidio in Campania. Ama leggere, viaggiare,  il trekking e la danza orientale.

Quanno s’aizava ‘o viento friddo

me dicive” obbilloco ll’aria ’e Natale”

‘A casa se rigneva ‘e luce,

d’addore ‘e susamielle e dde roccocò.

Che ccalore mammà.

Che cosa ddoce quando ce steva

‘a vocia toja dint’ a ‘sti stanze.

Mo Natale è ccagnato.

C’astrignimmo uno cu n’ato

Comme c’è ‘mparato tu.

‘O core se scarfa chiuanu chiano.

‘O priparammo pe’ ffa arrivà a Gesù

Francesco Limite

Francesco Limite, diversamente giovane, laureato  quasi inutilmente. Assistente di volo, direi per forza, per 30anni. Rimatore da moti secoli esclusivamente in vernacolo, il quale non vive questa condizione come una diminutio, e chest’è.

‘Na sardina staggiunata!!!

Che v’aggia dì: nce vengo all’adunata,

pure si so’ ‘nu poco vicchiariello.

Nce vengo cu mia figlia, accumpagnato,

me voglio ciaceja dint’ ô burdello.

Mmiez’ a ‘sta giuventù ca s’è scetata,

ca tuttequante credevemo addurmuta,

perduta ‘into a ‘nu munno virtuale,

pecchè schifata d’ ‘a vita reale.

‘Nu munno fatte d’odio e dd’ violenza,

addò ‘o sazio nun crede ô diuno,

addò n’umanità se perde nfunno,

pecchè ‘nu coso lle chiude ‘e puorte ‘nfaccia.

Ma quanno è troppo è troppo,

e allora: basta!

Se vonno fa’ sentì, chisti guagliune!

Basta ‘nu click e ppo’ tanta: me piace,

pe regnere ‘na piazza dint’ a nniente:

Bologna, Parma e ggiù, fino a Ssurriento

addò ‘e ssardine ‘ncontrano ‘e fravaglie.

Niente bandiere, niente va fa’ nculo,

armate ‘e ggiuventù e ppizzo â riso,

vonno fermà ‘a deriva ‘e ‘stu paese,

n’hanno diritto: songhe ‘a ggiuventù!!!

Francesco Limite

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 22 Dicembre 2019 e modificato l'ultima volta il 22 Dicembre 2019

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 5 Aprile 2020

Le poesie in napoletano ai tempi del Covid-19 di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 29 Marzo 2020

Le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 22 Marzo 2020

Le poesie napoletano dell’Associazione Poesie Metropolitane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi