domenica 17 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

POESIE METROPOLITANE

Terza domenica con i versi in napoletano dell’associazione partenopea

Poesie Metropolitane | 27 Ottobre 2019

Terza puntata per la rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane, che ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano. Ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo.

Invia le tue poesie in napoletano a: [email protected]

 


Rita Del Noce nata a Napoli, è poeta anche in lingua napoletana, saggista,narratrice. Due premi UNESCO. Cronista,articolista, rubricista; ha ideato e condotto pagine d’ informazione per bambini con riconoscimenti UNICEF. Molti suoi componimenti e racconti sono in antologie e tradotti in inglese. Insignita di “Poeta di pace”riceve attestati anche a carattere internazionale. Ultima la targa
del quotidiano “La Nazione”. Rientrata nella sua città pubblica “Sogno Napoletano”, un viaggio assieme allo spirito-guida, lo scrittore Domenico Rea. Sensibile al tema della migrazione già nel 2009 per suoi versi “Profughi” riceve il Premio “Città di Fucecchio”; nel 2018 pubblica la silloge “Il tuo sguardo, l’ orizzonte” ricevendo il Premio “Autori per la Europa 2018”; nel 2019, il Premio Miradois a Napoli.

Voce d’ ‘o vico

Voci…allucche…
‘o vico se scèta
ncoppa a ‘stu mutivo.
Oi ma’…oi pa’…
‘o vico se scèta
ncoppa a chesti note ‘e vita.
E sospinto ‘a chesta melodia
s’ incrociano ‘sti voce
s’ appicciano ‘sti cori
s’ aggitano chesti vite.
Accussì ‘o juorno se cunzuma
e chiano chiano
se ne scenne ‘o sole.
Se fa scuro ‘o cielo
‘o vicolo s’ addorme
pace vurrìa truva’
dint’  all’eternità.
Chesta frennesia aggita ll’ aria
chistu vico nun se vvo’ dà pace
pare na criatura
ca’ cerca ‘a mamma soja
c’ ‘a calma e ‘a rassicura.
E accussì s’avota, ss’ arrevota
e già nun vere ll’ora ‘e se scèta’
p’ accummincia’ a campa’.

Rita Del Noce


Assunta Sperino, nasce a Napoli il 22 novembre del ’76, inizia a scrivere da ragazzina senza mai smettere. Diplomata all’istituto magistrale, si iscrive alla facoltà di Sociologia. Solo nel 2018 decide di pubblicare i suoi testi con la C. Editrice Pagine, facendo parte di varie silloge. Fa parte della nova “Enciclopedia dei Poeti Italiani Contemporanei” dell’ Aletti Editore. Vince una targa al merito al Premio Alda Merini nel 2018 e nel 2019 al concorso internazionale Festa dei Popoli. Collabora con l’Associazione Poesie Metropolitane.

‘A  nuttata

Quanno passa ’sta nuttata?
Saglje e scengo cu e penziere.
Quanno nasce n’ata jurnata
ca me stuta chisto core?
Quanno ‘o sole me fa luce
cu ‘o cheffa’ je trovo pace.
E mme scordo ‘e ‘sti mmanelle,
ca nun aggio maje tuccato,
e chisti uocchje  piccerille,
ca nun s’hanno maje araputo….
Ma po’ ‘a notte torno arreto
e m’ ‘o veco ‘stu criaturo,
senza voce, senza chianto,
e cu isso je pure moro.
E m’ ‘o stregno dint’ ‘o suonno
pure quanno sto scetata,
po’ lle dico tutt’ ‘e cose
ca se diceno a nu figlio.
E lle canto ‘a ninna nanna
comme fanno tutt’ ‘e mamme.
Giuro, pare ca me sente,
ca pur’ isso me vo’ bbene
e ce credo pe n’istante
ca nu juorno me perdona.

Assunta Sperino

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 27 Ottobre 2019 e modificato l'ultima volta il 27 Ottobre 2019

Articoli correlati

Poesie Metropolitane | 10 Novembre 2019

LA RUBRICA

Le poesie in napoletano dell’associazione Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 20 Ottobre 2019

POESIE METROPOLITANE

Seconda puntata della rubrica curata dai “poeti” in lingua partenopea

Lingua Napoletana | 13 Ottobre 2019

VERSI IN NAPOLETANO

Poesie Metropolitane: inizia da oggi la collaborazione con Identità Insorgenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi