fbpx
martedì 19 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

Pompei. Inaugurata la mostra “Alla ricerca di Stabia”

News | 31 Luglio 2018

Dal 31 luglio al 31 gennaio 2019, cittadini e turisti potranno ammirare, nell’incantevole scenario del parco archeologico di Pompei, oggetti mai esposti e corredi funerari negati al pubblico dalla chiusura dell’Antiquarium stabiano nel 1997.

L’unione fa la forza, anche nel settore della valorizzazione culturale, soprattutto se in soccorso arriva uno dei siti archeologici più importanti al mondo: gli Scavi di Pompei.

In questo caso, attraverso l’inaugurazione della mostra “Alla ricerca di Stabia“, visibile dal 31 luglio al 31 gennaio 2019, lo scopo è davvero nobile: riscoprire, attraverso reperti di pregevole fattura, la storia dell’Antiquarium stabiano, chiuso al pubblico dal 1997. Spiega il direttore Massimo Osanna: “Questa mostra porta luce su un luogo troppo a lungo dimenticato, l’antiquarium Stabiano, che è stato un luogo glorioso negli anni Sessanta per i materiali straordinari che conteneva, poi chiuso per problemi di agibilità dell’edificio. Ad oggi è stato il contenitore inadeguato di materiale non più fruibile da parte del pubblico”.

Ma questo è solo il primo passo: a breve, come annunciato dallo stesso Osanna, sarà completata la concessione d’uso della Reggia di Quisisana alla Soprintendenza per allestirvi un Museo dedicato a Stabiae e un centro di ricerca, pronto a recuperare le grandi potenzialità di un’area di grande interesse, pronta finalmente a ripartire come merita.

Un articolo di Antonio Barnabà pubblicato il 31 Luglio 2018 e modificato l'ultima volta il 31 Luglio 2018

Articoli correlati

Beni Culturali | 19 Dicembre 2020

LE INIZIATIVE

Pompei, il Parco Archeologico si organizza per le feste e il nuovo anno

News | 25 Novembre 2020

L’ADDIO

I ricordi del Napoli di ieri e di oggi

Cinema | 30 Settembre 2020

ESCLUSIVE AL CINEMA

Isabella Rossellini racconta Pompei tra Eros e Mito con la regia di Pappi Corsicato