martedì 18 giugno 2019
Logo Identità Insorgenti

PORTICI

La Libreria Libridine chiude: i cittadini fanno a gara per salvarla

Battaglie | 9 Aprile 2019

E’ un conto alla rovescia mortale, quello che attanaglia molte attività commerciali cittadine, massacrate da quel neo-capitalismo massonico, che non guarda in faccia a nessuno, sacrificando tutti sull’altare del “mercato” e delle sue leggi.

La Libreria Libridine a Portici sta per chiudere i battenti, e sabato 13 Aprile, a partire dalle ore 09, per tutta la giornata resterà aperta per consentire a tantissimi cittadini, di farle visita, per fornire un consiglio, per mostrare solidarietà, magari acquistando simbolicamente un libro.

L’iniziativa di un consigliere comunale

Ma andiamo per ordine; dalle bacheca del consigliere comunale Luca Manzo, parte un grido di allarme con parole piene di dolore misto a rabbia, che riassumiamo qui:

“Ho ricevuto una brutta notizia: La libreria Libridine chiuderà.

Quel posto speciale dove ognuno può prendersi una pausa dagli affanni quotidiani e perdersi fra gli scaffali pieni di titoli che profumano di carta, tra qualche giorno abbasserà la serranda per sempre.

Per sette anni ho abitato quel luogo prima con il corpo e poi con il cuore, ascoltando i consigli di lettura da Nadia e Diego……..

Lo so che c’è la crisi, che la gente preferisce internet ai libri, ma io credo nelle persone e penso che la presenza di librerie indipendenti (in un mondo dove le libreria diventano sempre più simili a supermarket) sia sintomo di una comunità sana.
Credo nei Porticesi e nella loro voglia di mantenere un luogo fisico dove potersi incontrare in un momento in cui abbondano i luoghi virtuali……..
Vi chiedo la massima condivisione
Organizziamo Insieme un LibridineDay”.

La risposta dei cittadini

Immediata è stata la risposta dei cittadini che hanno affollato i social coinvolgendo, amici, parenti, affini, a partecipare appunto all’evento creatosi nel gruppo porticese Portici Identitaria, oltre che con iniziative private.

Noi abbiamo incontrato Diego Penna, che è colui che gestisce la libreria, il quale ci ha mostrato un quadro desolante, per quel che concerne il modo di intendere una cultura che ormai si ramifica come in un supermercato, sfigurata come é dai grandi colossi in franchising, che anche sul web imperversano indisturbati.

“I costi di gestione sono altissimi”- spiega Penna – “e il guadagno é minimo, perchè la pressione fiscale su ogni libro é altissima e solo le grandi catene editoriali possono resistere a tale impatto; inoltre, bisognerebbe modificare proprio la concezione di acquisto di un libro, ad opera del cittadino medio, perchè quei pochi Euro in più che si pagano in una libreria come la mia, sono un investimento per l’identità di una città come Portici, che vive di contaminazioni culturali di notevole pregio.

Lo stesso discorso, vale anche per le attività artigianali, gastronomiche, attività che continuamente vengono mortificate dalla grande distribuzione” – conclude Penna, che insieme a Nadia Labriola condivide da più di sette anni quest’avventura in mezzo ai libri.

Si spera in una svolta

Il 13 Aprile si spera in una svolta, in un colpo di scena, magari nascerà una sinergia che possa salvare la tipicità di queste attività non omologate; Portici pullula di persone e idee, da sempre la città della Reggia è un laboratorio a cielo aperto, di buone intenzioni, ma ovviamente non basta e la politica locale può fare ben poco di fronte a regole scritte e non scritte, che di fatto condannano luoghi come questi, templi dell’oblio, dove spesso ci si incontra per fermare i ritmi incalzanti delle nostre vite, per chiedere un consiglio, su un particolare libro che magari nelle grandi catene non riesci nemmeno a trovare, o magari per assistere a convegni, confronti sui cambiamenti nel tessuto sociale cittadino.

Per adesso, alle leggi di mercato si é contrapposto il cuore di quei porticesi che non si arrendono, non ci resta che sperare che basti, perchè Libridine non deve chiudere!

Alberto Guarino

Un articolo di Alberto Guarino pubblicato il 9 Aprile 2019 e modificato l'ultima volta il 9 Aprile 2019

Articoli correlati

Attualità | 17 Giugno 2019

LA POLEMICA

Municipi: no all’accorpamento delle sedi, con meno servizi e più caos

Ambiente | 11 Giugno 2019

L’APPELLO

“No ai mega parcheggi e ai nuovi svincoli della Tangenziale”: il documento di Rete Set

Attualità | 6 Giugno 2019

A CASERTA

Canapa shop chiuso e lui perde tutto: solidali con Virgilio in sciopero della fame

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi