martedì 21 gennaio 2020
Logo Identità Insorgenti

Primo appuntamento 2020 con le poesie in napoletano di Poesie Metropolitane

Poesie Metropolitane | 5 Gennaio 2020

La rubrica dell’Associazione culturale no profit Poesie Metropolitane ha lo scopo di valorizzare la poesia inedita in napoletano, ogni domenica diamo visibilità a due autori e a due poesie in vernacolo.
Invia le tue poesie in napoletano a [email protected]

Buona lettura con le poesie di Antonio Farina e Assunta Sperino

Antonio Farina nasce a Napoli il 20/05/1966.

Imprenditore Settore Servizi Informatici, fiero e orgoglioso dell’essere Napoletano, scrive, da poco meno di tre anni, poesie solo in lingua Napoletana. Ha partecipato ad alcuni concorsi Nazionali di Aletti editore, con la soddisfazione di essere l’unico poeta ad essere inserito nelle raccolte nazionali con poesie in vernacolo.

Antonio Farina

‘O surriso d’ ‘e crìature

Pe ce fa’ ‘nu regalo ‘o Pataterno

‘nventaje e ccrìature, ma nun cuntento ancora, vulette esaggerà.

Allora se mettete a ppenza a ccoccosa ca putesse tenè tutte ‘e sentimente cchiù sinciere.

Allora ammiscaje tutto ‘nzieme ‘a curiosità, ‘o stupore, ‘a cuntetezza, ll’allerja, ‘a tristezza, ‘a felicità, ‘a meraviglia, ‘o scuorno, ‘a timidezza, ll’ingenuità, e accussj ‘nventaje ‘o surriso d’ ‘e crìature.

Pe mme nun ce sta cosa cchiù bbella.

Niente è cchiù bbello ‘e ‘nu crìature che te ‘ncontra p’ ‘a via e ssenza nu pecchè senza ‘na raggione te surride.

‘O surrise d’ ‘e crìature è accussj bbello pecche è annùro è ssinciero, è ccomme jesce ‘a dint’a ll’anema, senza maschere.

AF Tutti Diritti Riservati Antonio Farina

Assunta Sperino

Sperino Assunta, nasce a Napoli il 22 novembre del ’76, inizia a scrivere da ragazzina senza mai smettere.
Diplomata all’istituto magistrale, si iscrive alla facoltà di Sociologia.
Solo nel 2018 decide di pubblicare i suoi testi con la C. Editrice Pagine, facendo parte di varie silloge.
Fa parte della nova “Enciclopedia dei Poeti Italiani Contemporanei” dell’ Aletti Editore.
Vince una targa al merito al Premio Alda Merini nel 2018 e nel 2019 al concorso internazionale Festa dei Popoli.
Collabora con l’Associazione Poesie Metropolitane.

‘A dignità

Tonino oggi è cuntento

‘nghiuvato for’a scola,

ca sigaretta mmano

sta ca a nu quarto d’ora.

Nun vene a piglià ‘o figlio

‘a quand’era crìaturo,

‘a quando che pastielli

se spurcava ‘o grembiule.

Ormai è quasi n’ommo

che orgoglio pe papà!

‘A giacca, ‘e scarpe bbone,

che figlio, guarda là…

Guarda che purtamento,

pare ‘o figlio ‘e nu duttore

e no ‘e chist’ommo stanco,

spuorco ‘e sfravecatura,

che scarpe cunsumate

po’ troppo cammenà,

ca nun sape fa niente,

soltanto faticà.

‘O figlio acala ‘a capa

comm’a nu marjuolo,

corre vicin’ ‘o pate:

«Che ce fajè for’ ‘a scola?

Comme staje cumbinato,

che figura me faje fà?

Nun vire ca ce guardano…

facimmece cchiù là.

Tonino cu nu sguardo

tra ‘a risa e ‘a pietà

e cu chella pacienza

ca sul’ ‘o bbene sape rà:

«Guagliò che te ne ‘mporta,

abbraccieme, a papà.

Si ‘e scarpe se cunsumano

è pe te da a campà

e si ‘a cammisa è sporca,

è sporca ‘e dignità.»

Assunta Sperino

Un articolo di Poesie Metropolitane pubblicato il 5 Gennaio 2020 e modificato l'ultima volta il 5 Gennaio 2020

Articoli correlati

Campania | 19 Gennaio 2020

Le poesie in napoletano dell’associazione culturale poesie metropolitane

Poesie Metropolitane | 12 Gennaio 2020

Poesie Metropolitane, la rubrica dedicata alle poesie in napoletano

Poesie Metropolitane | 29 Dicembre 2019

Con Poesie Metropolitane ogni domenica versi in napoletano

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi