lunedì 19 agosto 2019
Logo Identità Insorgenti

Protesta dei disoccupati nel Duomo di Napoli

News | 26 Aprile 2017

I manifestanti si sono riuniti davanti le scale del Duomo di Napoli per chiedere aiuto al cardinale Sepe, in modo tale da mediare con le autorità locali per attenuare la grave piaga della disoccupazione

Quando le difficoltà sono continue, è giusto tentare, nel rispetto della legalità, qualsiasi iniziativa volta al miglioramento delle proprie condizioni: sarà stato questo il pensiero di circa 100 disoccupati, aderenti a EDN (Eurodisoccupati napoletani) e Forza Sociale, i quali, intorno alle ore 10 di questa mattina, hanno protestato davanti le scale del Duomo di Napoli.

I manifestanti hanno esposto striscioni contro l’immobilismo delle istituzioni, chiedendo un’intermediazione del cardinale Crescenzio Sepe presso le autorità competenti. Spiega il portavoce dei partecipanti alla protesta: “Chiediamo un incontro con il cardinale, che ha sempre avuto a cuore il problema del lavoro, affinché si adoperi con Comune di Napoli, Città Metropolitana e Regione Campania per lo sblocco dei progetti destinati agli ex disoccupati del progetto Bros”.

I disoccupati infatti fanno leva sullo sblocco di progetti legati al pattugliamento anti-roghi di rifiuti, pulizia delle strade e raccolta di rifiuti speciali, attività di grande utilità sociale che, al tempo stesso, permetterebbero il loro parziale rientro nel mondo del lavoro.

Un articolo di Antonio Barnabà pubblicato il 26 Aprile 2017 e modificato l'ultima volta il 26 Aprile 2017

Articoli correlati

Attualità | 10 Luglio 2019

ILVA TARANTO

Nulla di fatto al vertice Mise, intanto la Procura spegne l’altoforno 2

News | 17 Maggio 2019

Parco della Marinella, entro l’anno i lavori di riqualificazione

News | 16 Maggio 2019

VIDEO | Accorinti, già sindaco di Messina: “Salvini? Un nazi-fascista”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi