domenica 17 novembre 2019
Logo Identità Insorgenti

Quando la SSC Napoli fa la Società: Amadou Diawara

News | 14 Novembre 2016

Spesso tengono banco tra i tifosi del Napoli le discussioni circa lo spessore societario del club partenopeo. Alcuni episodi o particolari annate hanno sollevato non pochi dubbi tra i sostenitori azzurri circa quella che è la struttura e la gestione societaria della SSC Napoli. Sovente si sono fatti paragoni con i più grandi club d’Europa, riscontrando nella maggior parte dei casi l’assenza effettiva di alcuni ruoli nell’organigramma gerarchico della società del patron De Laurentiis.

Quest’ultimo gode della fama di factotum (o quasi) nelle dinamiche gestionali del club, a discapito quindi di alcune apposite figure addirittura non previste nella sua piramide dirigenziale.

Nonostante tutto ciò negli ultimi anni, non di rado, il Napoli ha portato a casa risultati non di poco conto, in particolare alla voce ‘calciatori’. Ad onor del vero ancora si sorride in città per alcune meteore passate in casacca azzurra che si sono rivelati autentici bidoni, ma per fortuna spesso sono stati messi a segno grandi colpi. Da Pierpaolo Marino all’attuale Cristiano Giuntoli sono state tante le plusvalenze che, sagacemente, De Laurentiis è riuscito ad ottenere.

Una su tutte, si potrebbe pensare d’impatto, è quella della mega-cessione di Higuaìn alla Juventus la scorsa estate. Sebbene quella sia stata una delle trattative più ‘famose’ della storia del calcio, oggi rendiamo merito alla Società Sportiva Calcio Napoli di un altro grande colpo messo a segno, un colpo di classe, di audacia, di intelligenza da grandissimo club, reso possibile proprio grazie all’incasso della vendita di Higuaìn. Questo colpo risponde al nome di Amadou Diawara.

Un ragazzone di 19 anni che sta stregando mezza Europa, tanto da essersi meritato ad honorem l’etichetta di prossima plusvalenza realizzata dal patron azzurro. Soffiato alla concorrenza nel suo momento più difficile con il Bologna, fuggito via dalla città felsinea ed in attesa solo di consegnarsi al primo club che lo avesse voluto. 15 milioni, nel calcio moderno, sono spiccioli per una promessa di tale caratura. E Diawara non si è smentito.

Dopo due mesi di ambientamento (necessari, a detta di mister Sarri, per imparare clima e schemi tattici alla perfezione), Amadou si è preso le chiavi del centrocampo azzurro, con una padronanza ed una sicurezza da veterano, stupendo forse anche il più ottimista dei suoi estimatori. Possente, sicuro, tosto ed a suo modo elegante Diawara ha soffiato la maglia di titolare a Jorginho, dando al Napoli splendore in mezzo al campo. Poche prestazioni di altissimo livello hanno richiamato le sirene dei grandi club d’Europa. E’ già asta per lui.

Di poche ore fa l’interesse del Chelsea di Antonio Conte: 50 milioni di Euro sul piatto e una carriera ad alti livelli in vista per il giovane guineano. Chapeau alla Società Sportiva Calcio Napoli per aver raccolto una pietra quasi grezza ed averla resa un diamante in poche settimane. Quando il Napoli fa la SOCIETA’.

Un articolo di Il Vaporetto pubblicato il 14 Novembre 2016 e modificato l'ultima volta il 14 Novembre 2016
#Amadou   #calcio   #Diawara   #Napoli  

Articoli correlati

L'oro di Napoli | 17 Ottobre 2019

L’ORO DI NAPOLI

Ulisse attraversa il Golfo di Napoli

Sport | 14 Ottobre 2019

PALLACANESTRO

Inizia con un passo falso il campionato della Gevi Napoli Basket in A2

Eventi | 13 Ottobre 2019

IL CULTO DEL CAFFÉ

Al Riff Loungebar “Cafè Experience”: tra contest fotografico e documentario

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi