fbpx
martedì 7 luglio 2020
Logo Identità Insorgenti

QUESTIONE BOSCO

Capodimonte, i cittadini critici con Bellenger: “Poteva coinvolgere le associazioni e gli abitanti”

Ambiente | 26 Maggio 2020

Riceviamo e pubblichiamo

L’altro ieri un presidio di abitanti del quartiere e utenti del bosco si è riunito fuori i cancelli del bosco di capodimonte per richiederne l’apertura. La scelta di chiudere il polmone verde della città è stata valutata autonomamente dal direttore considerando l’assenza di personale adeguato e in numero tale da consentire la gestione in sicurezza degli ingressi al bosco e degli spazi e, a sua detta, dalla mancata osservanza delle norme di distanziamento da parte degli avventori.

Quest’ultimo elemento in particolar modo non si distanzia dal comune atteggiamento istituzionale che scarica l’assenza di adeguate misure anti contagio sulla negligenza dei cittadini, scegliendo la chiusura come autotutela da qualsivoglia responsabilità. Dai giornali si legge che a breve il bosco dovrebbe riaprire e per quella data probabilmente il direttore avrà già provveduto alla contrattualizzazione di una qualche agenzia di vigilanza privata, nonostante il parere negativo del comitato Covid per la gestione del bosco e di tutte le diverse sigle sindacali, contrarie anche alla chiusura.

Quello che contestiamo in particolar modo è il solito atteggiamento concentrato sugli aspetti manageriali, perché sebbene riconosciamo l’attenzione dimostrata dal direttore verso la valorizzazione del bosco e delle strutture, a questa di sicuro non fa seguito, ora come in passato, l’apertura di un discorso con il territorio e la città su gli usi consentiti e la gestione degli spazi. Ad esempio quella che per il direttore è un ovvia scelta: chiudere fino all’immissione della vigilanza privata.

Potrebbe invece, nell’interlocuzione con le diverse parti, non rivelarsi così utile e geniale anzi, dal nostro punto di vista, scelte più coraggiose potrebbero considerare il coinvolgimento diretto di gruppi organizzati di utenti del bosco per la gestione degli ingressi contingentati e la tutela della sicurezza, ma questo sarebbe possibile solo se esistesse un dialogo veramente aperto con la platea di assidui e abitanti del quartiere e che dovrebbe riguardare necessariamente anche l’uso degli spazi. Così come per tali finalità potrebbero essere coinvolti gli LSU del comune di Napoli, in termini di restituzione di tempo a servizio della comunità. In questa fase dove gli spazi verdi sono ancora più essenziali per ricostruire il benessere psicofisico degli abitanti, minacciato dalla pandemia, non siamo più disposti a retrocedere, il bosco deve essere riaperto, un’apertura che non si limita ai cancelli ma che punta a sperimentare nuovi modi di vivere gli spazi. Non sarebbe bellissimo soprattutto di questi tempi pensare ad esempio a un utilizzo del parco a misura di bambino permettendo l’organizzazione di lezioni e attività all’aperto? Seguiremo le evoluzioni della vicenda e faremo sentire la nostra voce con l’auspicio che ciò rappresenti la ripartenza di un percorso di partecipazione attiva e di interlocuzione con la cittadinanza.
Noi ci metteremo il nostro ed è per questo che da subito chiediamo un incontro aperto con il quartiere al direttore e all’amministrazione municipale affinché le esigenze collettive, soprattutto in questa difficile fase che tutti viviamo, vengano ascoltate.

Le abitanti e gli abitanti di Capodimonte e dintorni

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 26 Maggio 2020 e modificato l'ultima volta il 26 Maggio 2020

Articoli correlati

Ambiente | 2 Luglio 2020

L’APPELLO

Un manifesto per la Gaiola promosso dal Mann: “Vicini alla Csi per la salvaguardia dell’area”

Ambiente | 30 Giugno 2020

ANTEPRIME

Siamo scesi alla Gaiola che riapre il 3 luglio: bagnanti divisi per fasce orarie, prenotazioni obbligatorie on line

Ambiente | 24 Giugno 2020

L’INIZIATIVA

“Inclusione e ambiente”: cittadini uniti per spiagge e fondali puliti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi