mercoledì 12 maggio 2021
Logo Identità Insorgenti

RACCONTA FOOD

L’Antica pizzeria da Michele, una storia lunga 150 anni che parla anche di Diego

Agroalimentare | 27 Novembre 2020

L’Antica Pizzeria da Michele aderisce a “Racconta Food”, il qr code con la voce dei pizzaioli, chef e ristoratori che arriva a casa insieme alla consegna a domicilio e che vuole abbattere le distanze tra il mondo della ristorazione e i clienti.

Un’iniziativa tutta napoletana che rende il delivery qualcosa di speciale, in questo periodo di ristoranti chiusi e distanziamento sociale. Sul cartone delle pizze ci sarà un qr code con la voce del pizzaiolo o del ristoratore, un messaggio di vicinanza, un racconto fatto di storia e di ingredienti, di identità e di resistenza.

E da oggi chi ordina una pizza da Michele, nel cuore di Forcella, avrà a casa un messaggio con la voce di Alessandro Condurro e in attimo si ritroverà nella storia della pizza napoletana, una storia lunga 150 anni che parla anche di Maradona.

La scelta di aderire a un’iniziativa di vicinanza e di resistenza, in questi giorni che il popolo napoletano si raccoglie nel dolore per la perdita del suo Diego, scoprendosi ancora più unito, assume un significato profondo. Un messaggio importante lanciato dal tempio della pizza napoletana e che unisce icone diverse che diventano un solo mondo: il calcio e la pizza.

“Il lancio di questa iniziativa avviene all’indomani del difficile addio che noi napoletani abbiamo dato al grande Diego Armando Maradona, un mito che abbiamo avuto l’onore di ospitare all’interno della pizzeria e che è parte integrante della nostra storia, lunga 150 anni – spiega Sergio Condurro, amministratore de l’antica pizzeria da Michele. Maradona è come la pizza, è l’orgoglio di Napoli che ci ha portato verso una rivoluzione culturale che ha cambiato profondamente la nostra città, anche agli occhi del mondo”.

“L’audio contenuto dal QR code è il nostro messaggio di speranza che i clienti, che scelgono noi quotidianamente attraverso l’asporto o la consegna a domicilio con Uber Eats, potranno trovare sul proprio pizza box – spiega Alessandro Condurro, AD de l’antica pizzeria da Michele in the world e voce della registrazione. Come da progetto ideato da Valentina Castellano e sviluppato dall’azienda tecnologica Wip Lab, anche noi vogliamo abbattere le distanze per recuperare, almeno in parte, ciò che è il fulcro della ristorazione napoletana: il rapporto umano, che è centrale anche nella storia de l’antica pizzeria da Michele. Sono le persone passate per la pizzeria che l’hanno resa quella che è: le tante foto appese alle pareti, tra cui oggi più che mai spicca quella di mio nonno Salvatore con Maradona, ne sono la dimostrazione assieme a tutto l’affetto che riceviamo attraverso i social e altri canali”.

“In giornate come queste è più che doveroso rendere omaggio a un mito del mondo dello sport come Maradona, che ho avuto il piacere di incontrare di persona – conclude Daniela Condurro, AD de l’antica pizzeria da Michele in the world-. Per questo lo staff di via Sersale ha voluto dedicare una pizza al nostro Diego ed esporla all’esterno, issando sulla porta della pizzeria una bandiera con il suo volto. Sulla pizza la dedica scelta è “Diego vive”, perché un mito come lui non morirà mai, come presenza del racconto della nostra famiglia e di tante altre nel mondo”.

Un articolo di Valentina Castellano pubblicato il 27 Novembre 2020 e modificato l'ultima volta il 30 Novembre 2020

Articoli correlati

Agroalimentare | 27 Aprile 2021

Decreto aperture: il “si salvi chi può” della ristorazione napoletana

Cultura | 20 Aprile 2021

Nasce “Food Hacker”: uno studio dell’Università Federico II sul rapporto tra cibo e digitale

Cultura | 15 Aprile 2021

Nasce “Totò Poetry Culture”: un progetto di poesia e musica elettronica dedicato al grande artista