fbpx
venerdì 15 gennaio 2021
Logo Identità Insorgenti

“RAGAZZI DI STRADA”

L’app anti-assembramenti inventata dagli studenti di Taranto e Bari

Attualità | 17 Novembre 2020

Si chiama “Ragazzi di strada” l’app sviluppata da alcuni studenti di una scuola media superiore di Taranto, che ha vinto il progetto #LinkYourFuture promosso da Linkem in collaborazione con Elis. L’app, che sarà davvero realizzata da Linkem, consente di controllare l’affluenza dei punti di ristoro per una corretta gestione degli affollamenti, così da evitarli.

Permette, quindi, di conoscere in tempo reale la disponibilità ricettiva dei locali in qualsiasi posto essi si trovino attraverso un monitoraggio in real time. Nel caso in cui non ci dovessero essere posti a sedere liberi, c’è la possibilità di avere una tabella oraria dove, chi gestisce la pagine del locale, può indicare l’orario più opportuno nel quale presentarsi ed è inoltre dotata di un modulo per le prenotazioni online.

Il progetto di Linkem, operatore 5G leader della banda ultra-larga wireless, ha coinvolto due istituti superiori di Taranto, l’istituto Pacinotti-Fermi, e di Bari, l’istituto Marconi-Hack, per un totale di 35 studenti delle quarte classi i quai, suddivisi in team e supportati dai tecnici di Elis e Linkem, hanno sviluppato progetti innovativi.

“Siamo fieri di portare avanti il progetto #LinkYourFuture, soprattutto in un anno come questo in cui i ragazzi hanno dovuto rinunciare a molte abitudini ed esperienze quotidiane, anche in ambito scolastico, a causa della pandemia” ha dichiarato Grazia Paparella, Chief Culture Officer di Linkem.

Un articolo di Identità Insorgenti pubblicato il 17 Novembre 2020 e modificato l'ultima volta il 17 Novembre 2020

Articoli correlati

Attualità | 15 Gennaio 2021

MONOLOGO DEL VENERDI’

De Luca: solo 180mila persone vaccinate entro febbraio. 50 % scuole potrebbero riaprire

Attualità | 11 Gennaio 2021

ZONA GIALLA

Scuole, saldi, riaperture: cosa cambia da oggi in Campania

Attualità | 9 Gennaio 2021

L’ORDINANZA

Da lunedì tutta Italia zona gialla, tranne 5 regioni (arancioni)